Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca Frattaminore / Via Giovanni Liguori, 51

Strage familiare a Frattaminore, la donna voleva denunciare suo marito

Caterina Perotta, uccisa insieme al figlio di tre anni da Gennaro Iovinella che poi si è tolto la vita, secondo alcuni conoscenti si era recata in passato dalle forze dell'ordine

Caterina Perotta aveva una profonda ferita alla testa, suo figlio di tre anni invece è morto soffocato. Il suo corpo, all'arrivo delle forze dell'ordine, era nel letto matrimoniale. Sono le due vittime della strage familiare di Frattaminore, il duplice-omicidio suicidio compiuto dal 50enne Gennaro Iovinella. L'uomo si è tolto la vita poco dopo aver ucciso moglie e figlio, impiccandosi nell'androne del palazzo.

LA DENUNCIA - Un particolare inquietante trapela da alcune persone vicine a Caterina (soprannominata Catia). Pare che la donna si fosse rivolta alle forze dell'ordine per presentare una denuncia sulle liti con il marito, denuncia che però non sarebbe mai stata formalizzata.

Strage Familiare a Frattaminore (2)-2


Secondo quanto trapela dalla Questura, sarebbe stato sequestrato un oggetto, pare un corpo contundente che potrebbe essere quello utilizzato dall'uomo per uccidere sua moglie. L'uomo era disoccupato, circostanza a monte delle liti. Una situazione insanabile, al punto che i due si stavano separando. Lei lavorava come commessa, dopo che la pizzeria che i due gestivano insieme era stata costretta a chiudere.

NELL'APPARTAMENTO - A quanto pare, sul luogo della tragedia gli agenti del commissariato e della scientifica hanno trovato e sequestrato un oggetto compatibile con le ferite riscontrate sulla 40enne.

CONTINUA - FOTO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage familiare a Frattaminore, la donna voleva denunciare suo marito
NapoliToday è in caricamento