menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio Fortuna, le motivazioni della sentenza: "Titò era privo di qualsiasi senso morale"

Le motivazioni racchiuse in 186 pagine che raccontano il delitto di Fortuna Loffredo

"Titò era privo di qualsiasi senso morale e qualunque sia la ragione contingente che ha spinto Raimondo Caputo all'omicidio si appalesa comunque come aberrante e perversa, priva di qualsiasi senso morale e rispetto per l'altro". Sono state rese note le motivazioni racchiuse in 186 pagine che raccontano il delitto di Fortuna Loffredoviolentata e poi uccisa, lanciata nel vuoto dal sesto piano del parco Verde di Caivano il 24 giugno 2014.

Sono queste le motivazioni racchiuse nella sentenza di condanna all'ergastolo per Caputo a 10 anni e per la compagna accusata di favoreggiamento, nelle violenze che Caputo avrebbe perpetrato ai danni delle sue tre figlie.

 "Una indagine condizionata dal clima di assoluto controllo e manipolazioni delle dichiarazioni imposte dai familiari alla bambina che aveva assistito all'uccisione della sua amichetta".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento