menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di Massimo Romano

Foto di Massimo Romano

“Il troppo amore rende ciechi”: le parole della sorella di Fortuna (FOTO)

Ha partecipato alla fiaccolata organizzata al rione Sanità. Presenti circa 200 persone

“Voglio giustizia per mia sorella. Molto spesso non si denunciano questi episodi perché il troppo amore non fa rendere conto della gravità dei gesti”. A parlare è la sorella di Fortuna Bellisario nel corso della manifestazione organizzata per la 36enne uccisa dal marito a colpi di stampelle a Miano. Circa 200 persone si sono riunite nel rione Sanità per ricordare l'ennesima vittima di femminicidio.

La fiaccolata

Le tante persone accorse si sono date appuntamento intorno alle 19 e 30 a piazza Fontanelle e hanno sfilato lungo i vicoli del quartiere storico. In testa al corteo proprio la sorella della vittima con in mano un poster con la foto della cara uccisa. Intorno tante donne con le fiaccole in mano che hanno camminato in silenzio per il quartiere. Un segnale di vicinanza alla famiglia della vittima nella speranza che cambi qualcosa e che altre donne trovino il coraggio di denunciare i loro aguzzini che troppo spesso sono tra le mura di casa. 

Le violenze subite in passato 

Le parole di Ivo Poggiani 

"Chi questa sera è sceso in strada lo ha fatto per chiedere di non abbassare la testa e di gridare a tutte le donne che sono vittime della violenza domestica che non sono affatto sole". Queste le parole del presidente della Municipalità, Ivo Poggiani, promotore della manifestazione. 

Le indagini 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dramma a Sanremo: morta la mamma del maestro Campagnoli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento