Cronaca Pianura

Omicidio di Fraia, al via il processo al marito

Il Comune di Napoli si è costituito parte civile. Secondo le ricostruzioni degli inquirenti Vincenzo Carnevale investì sua moglie per poi darle fuoco

Tribunale di Napoli

Il marito la investì e poi le diede fuoco. Morì dopo tre giorni di agonia, lo scorso mese di febbraio. Accadde, a Pianura, a Giuseppina Di Fraia. Oggi è iniziato il processo all'uomo, Vincenzo Carnevale, per il quale il Comune di Napoli si è costituito parte civile. “Stamattina è giornata storica per la città di Napoli, che con questa amministrazione comunale e con l'assessorato alle Pari opportunità è in prima linea nella lotta al femminicidio e nel contrasto alla violenza di genere”, ha dichiarato il dimissionario assessore Pina Tommasielli.

“Il Tribunale di Napoli ha considerato valida la costituzione di parte civile del Comune di Napoli nel processo per il femminicidio della povera Giuseppina Di Fraia – ha continuato la Tommasielli – con ciò recependo un principio fondamentale: la violenza di genere offende l'intera collettività ed ogniqualvolta è leso il principio di uguaglianza il Comune è legittimato a costituirsi quale parte civile. Mi auguro che questa buona prassi possa essere di esempio per altri enti locali”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di Fraia, al via il processo al marito

NapoliToday è in caricamento