Omicidio Di Fraia, il Comune si costituisce parte civile

Il processo ai danni del marito di Giuseppina Di Fraia inizia lunedì. "Chiederemo un risarcimento danni - ha sottolineato l'assessore Tommasielli - che verrà devoluto ai centri anti-violenza

Giuseppina Di Fraia

L'udienza preliminare del processo contro Vincenzo Carnevale, accusato dell'omicidio della moglie Giuseppina Di Fraia, si terrà lunedì. Il Comune di Napoli si costituirà parte civile, in esecuzione della delibera quadro n. 116 2013.

“La delibera – ha dichiarato l'assessore alle Pari opportunità, Pina Tommasielli – è stata approvata nello stesso giorno in cui sono tenuti i funerali di Giuseppina per prevenire e reprimere le violazioni delle norme poste a tutela delle donne, e per richiedere il risarcimento dei danni morali e materiali”. Un risarcimento dei danni che “sarà utilizzato – ha concluso l'assessore – esclusivamente per implementare nuovi Centri anti-violenza e le case per le donne maltrattate”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Tribunale di Napoli sarà presidiato, in occasione del processo, dalle associazioni che combattono il maltrattamento delle donne, e dalle istituzioni cittadine che costituiscono la “Rete Antiviolenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

Torna su
NapoliToday è in caricamento