Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Caivano

Omicidio in clinica: dopo una lite viene soffocato con l'ovatta

L'episodio è avvenuto a Caserta. In manette un 51enne di Caivano: è sospettato di aver soffocato un altro paziente della struttura, un uomo di 64 anni di Casandrino

Un uomo di 51 anni, di Caivano, è stato portato in carcere perché sospettato di un omicidio avvenuto nella notte tra mercoledì e giovedì presso la Clinica degli Ulivi a Caserta. La vittima è un 64enne di Casandrino, morto poi dopo il ricovero al Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta: era stato soffocato con dei pezzi di ovatta che gli erano stati conficcati in bocca.

Secondo gli inquirenti tra i due, entrambi pazienti della Clinica degli Ulivi, ci sarebbe stata una lite. Poi il tentato omicidio – riuscito solo successivamente – da parte del 51enne.

Gli uomini della squadra mobile di Caserta hanno ascoltato anche il personale della struttura sanitaria per ricostruire l’accaduto, nonché rinvenuto quelle che definiscono tracce “pertinenti al reato” che li hanno spinti all’arresto deil 51enne.

La notizia su CasertaNews.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio in clinica: dopo una lite viene soffocato con l'ovatta

NapoliToday è in caricamento