Cronaca

Processo a Daniele De Santis, gli avvocati dell'ultras romanista: "Minacciati sul web"

Parzialmente accolta una richiesta dei lagali, che non potranno più essere ripresi dalle telecamere nel corso delle udienze

I difensori di Daniele De Santis non potranno essere più ripresi dalla televisione nel corso delle udienze: la decisione dei magistrati accoglie parzialmente una questione sollevata dagli avvocati dell'ultras giallorosso accusato dell'omicidio del tifoso del Napoli Ciro Esposito.

Gli avvocati in aula hanno oggi sottolineato come al termine della scorsa udienza sia stato mandato in onda da un tg nazionale un servizio in cui De Santis compariva in aula (era su di una barella) accanto ai suoi due legali, questo nonostante fosse stato disposto che l'imputato non potesse venire ripreso.

L'immagine, finita su internet, avrebbe generato a detta dei legali "minacce nei loro confronti". La richiesta di escludere le telecamere dal processo deriva, ha spiegato l'avvocato Tommaso Politi, "dalla necessità di consentire un sereno svolgimento del processo e metterlo al riparo dal rischio di un possibile condizionamento esterno", cosa che non ha a che vedere con le minacce. I penalisti hanno comunque presentato un esposto in procura.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo a Daniele De Santis, gli avvocati dell'ultras romanista: "Minacciati sul web"

NapoliToday è in caricamento