Orrore a Torre del Greco: "Ho ucciso mia madre, mi faceva le fatture"

È stato lo stesso 33enne a spiegarlo nell'interrogatorio davanti al pm Emilio Prisco

Ha preso un cacciavite, e colpito sua madre Brunella Cervasi numerose volte uccidendola. La tragedia si è consumata a Torre del Greco ieri sera.

Ad agire è stato un uomo di 33 anni, da tempo in cura in un centro psichiatrico e in passato alle prese con problemi legati a droga e alcol. Si riteneva vittima delle ''fatture'' della madre e ieri sera, per mettere fine a queste ''scemità'', ha assassinato la madre. ''Ma ci è voluto del tempo per mettere fine a tutto questo'', ha detto.

È stato lui stesso a spiegarlo nell'interrogatorio davanti al pm Emilio Prisco, alla presenza dell'avvocato difensore Maria Laura Masi. Ha raccontato anche di essere andato a letto dopo avere ucciso la mamma, sceso in strada ha incrociato la nonna alla quale ha raccontato tutto.

I due abitavano in via dei Remaioli, arteria di via Cesare Battisti. I vicini credevano che tra mamma e figlio fosse scoppiata una nuova lite.

Adesso si è alla ricerca di una struttura che possa ospitarlo lontano dalla casa dove si è consumato l'omicidio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 18 al 22 gennaio (giorno per giorno)

  • Grave lutto per Salvatore Esposito: “Il Covid se l'è portato via”

  • Grave lutto scuote Napoli, muore 24enne incinta al quarto mese

  • Coronavirus, Campania zona gialla da lunedì 18 gennaio: l'indice Rt è inferiore a 1

  • Il gelo invade la Campania: arriva la prima neve su Napoli

  • Acqua, bicarbonato e limone: benefici e controindicazioni

Torna su
NapoliToday è in caricamento