rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca Boscoreale

Pescivendolo ucciso, gli ultimi attimi prima della tragedia: "Non difendeva l'incasso, ma figlia e nuora"

La ricostruzione dei fatti nelle parole del legale della famiglia di Antonio Morione, l'esercente assassinato a Boscoreale nel corso della rapina alla sua pescheria

Emergono nuovi dettagli sugli ultimi istanti di vita di Antonio Morione, il pescivendolo di Boscoreale assassinato mentre era al lavoro la sera del 23 dicembre, nel suo esercizio commerciale di via Giovanni Della Rocca. Il rapinatore – erano in tutto tre – che si sarebbe da li a poco trasformato in killer, aveva puntato la pistola al volto sia di sua figlia che di sua nuora, due ragazze entrambe minorenni che stavano lavorando in pescheria con lui.

Marco Izzo, legale di famiglia, ha spiegato così la reazione del commerciante, il quale ha reagito non per difendere l'incasso ma per preservare le ragazze. Morione – come hanno ricostruito i carabinieri della compagnia di Torre Annunziata e della stazione di Boscoreale – con un coltello è andato a squarciare l'auto della banda, ed è a quel punto che il killer ha aperto il fuoco contro di lui: quattro colpi, uno dei quali lo ha raggiunto al volto non lasciandogli scampo.

I familiari adesso vogliono soltanto giustizia e poter celebrare il funerale di Antonio, la cui salma è sotto sequestro per l'autopsia. Come riportato dal Mattino, il legale ha spiegato che la moglie della vittima non riesce a riprendersi da quanto è accaduto: “Non ha più un filo di voce, né una lacrima. Come lei, anche i tre figli. Per loro non sarà mai più Natale”.

Le indagini

I carabinieri della compagnia di Torre Annunziata e della stazione di Boscoreale stanno intanto andando avanti con le indagini, con l'obiettivo di identificare i tre componenti della banda.

La loro auto, vista la ruota squarciata, è stata abbandonata non lontano dal luogo della tragedia.
Si sta provando a ricostruirne il tragitto nonostante in zona, quella dei rioni popolari “Piano Napoli”, non ci siano telecamere di sorveglianza.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescivendolo ucciso, gli ultimi attimi prima della tragedia: "Non difendeva l'incasso, ma figlia e nuora"

NapoliToday è in caricamento