menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carabinieri

Carabinieri

Sabato di sangue ad Acerra: ucciso in piazza tra la folla

La vittima è Adalberto Caruso, pregiudicato di 57 anni, cognato del boss Cuono Lombardi. L'agguato è avvenuto mentre l'uomo era su una panchina nei pressi di un'edicola votiva

Ancora sangue nel napoletano. Ad Acerra, sabato sera, un altro omicidio. La vittima è Adalberto Caruso, pregiudicato di 57 anni, cognato del boss Cuono Lombardi.

L'uomo si trovava in Piazza San Pietro quando è stato avvicinato da uno o più sicari che gli hanno sparato un colpo di pistola al capo. L'agguato è avvenuto mentre l'uomo era su una panchina nei pressi di un'edicola votiva dedicata all'Addolorata.

Noncurante della presenza di gente, l'omicida ha esploso un solo colpo di pistola da distanza ravvicinata che ha raggiunto il 57enne alla testa, ferendolo mortalmente. Scattata l'emergenza, sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno rinvenuto sul marciapiede, in una pozza di sangue, un solo bossolo.

Secondo i primi accertamenti eseguiti dagli investigatori, la vittima non aveva collegamenti con le organizzazioni criminali della zona. Nel 2003, Adalberto Caruso fu coinvolto in una rapina con sequestro avvenuta a Trieste, ai danni della titolare di una gioielleria e di un dipendente, compiuta da due napoletani, arrestati poco giorni dopo. In casa di Caruso gli investigatori, infatti, rinvennero gran parte dei preziosi rubati, circostanza per la quale fu accusato di ricettazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento