Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Si torna a sparare nel napoletano. La vittima è Pasquale Tortora

Omicidio Acerra (Foto Massimo Romano)

Pasquale Tortora, 55 anni, è stato ucciso in un agguato avvenuto via Gennaro Calzolaio ad Acerra.  La vittima è il fratello del boss Domenico Tortora (detto Mimì lo stagnaro). Il raid si è verificato intorno alle ore 14.00 a poca distanza dall'abitazione della vittima.

Indagini in corso per risalire all'identità dei killer che hanno fatto subito perdere le proprie tracce dopo l'omicidio. Isolata l'area per consentire ai militari dell'arma di effettuare tutti gli accertamenti di rito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco: "Ci costituiamo parte civile"

"Annuncio già che, come già accaduto in passato, quando le procedure lo consentiranno, il Comune di Acerra si costituirà parte civile in tutti i procedimenti penali che possano vedere la Città e la Comunità intera parte lesa perché ci riteniamo danneggiati da tutto questo e tuteleremo la città in tutte le sedi". Così sindaco di Acerra Raffaele Lettieri dopo l'agguato avvenuto oggi.

"È la risposta sostanziale ed importante che possiamo dare per i tanti sforzi e gli innumerevoli sacrifici che sta facendo la comunità, che stanno facendo gli acerrani, che tutto il tessuto sociale della nostra città sta realizzando - continua Lettieri - Sono certo che l'impegno di questi anni della nostra comunità non verrà compromesso, che non sarà danneggiato da omicidi, altri fatti di camorra, dal fenomeno dello spaccio, dell'usura o da qualsiasi altra cosa che possa riflettere un'immagine negativa".

"Acerra per bene farà la sua parte, appare sempre più indispensabile un presidio di Polizia nel centro della città, come abbiamo proposto - conclude il primo cittadino - Sono sicuro che gli inquirenti, tutte le Forze di Polizia coordinate dalla procura di Nola assicureranno alla giustizia i responsabili di questi atroci fatti, come anche di quelli venuti alla cronaca la scorsa settimana. Alle forze di Polizia e alla magistratura, a tutti coloro i quali stanno indagando per accertare cosa sia accaduto, va tutto il nostro sostegno e il nostro appoggio, perché noi confidiamo nel loro lavoro''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vietato uscire a Natale e a Capodanno fuori dal comune: "Non sarà possibile raggiungere i nonni"

  • Revenge porn, arrestato un 43enne. Diffusi sui social video intimi con la moglie

  • Sindrome di Kawasaki (o simil Kawasaki): 5 i casi a Napoli

  • Le migliori dieci canzoni su Diego Armando Maradona: la classifica

  • Scossa di terremoto nella zona flegrea: l'evento sismico avvertito dalla popolazione

  • Conte annuncia il nuovo Dpcm sulle festività natalizie: tutte le misure

Torna su
NapoliToday è in caricamento