Cronaca Sorrento

"Olio cinese per i ristoranti": scatta l’inchiesta

Nelle scorse ore scoperto un carico di 200 litri: le etichette facevano riferimento a un prodotto italiano, ma erano in parte scritte in cinese

Nelle scorse ore gli agenti del commissariato della polizia di Stato hanno fermato a Punta Scutolo un napoletano, già noto alle forze dell’ordine, alla guida di una Smart nella quale erano stipati quasi 200 litri di olio di oliva suddiviso in bottiglie. Le etichette facevano riferimento a un prodotte italiano, ma erano in parte scritte in cinese e non fornivano le indicazioni richieste dalla normativa europea in materia alimentare. Nella vettura inoltre, non c’era alcuna traccia del documento di trasporto.

I poliziotti hanno dunque disporre il blocco sanitario dell’olio per poi affidarlo agli esperti dell’Asl. Agli agenti che gli hanno chiesto a chi fossero destinati i 200 litri di olio trovati nella sua automobile, l’uomo ha indicato un ristorante del centro di Sorrento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Olio cinese per i ristoranti": scatta l’inchiesta
NapoliToday è in caricamento