Cronaca

Rimandato ancora l'ok da Roma, restano fermi i nuovi treni della Linea 1

Si aspetta il via libera dopo l'incendio avvenuto nel corso di un collaudo lo scorso luglio. Intanto la principale metropolitana di Napoli ha perso la metà dei suoi passeggeri nel corso dell'ultimo anno e mezzo

Ancora una fumata grigia: è stata rinviata a metà della prossima settimana la riunione con i tecnici del Ministero dei Trasporti per il via libera alla messa in esercizio dei nuovi treni della Linea 1 Metropolitana di Napoli.

Nell'occasione, a Roma discuterà coi tecnici del Ministero la dirigente del servizio linea 1 dell'Anm Serena Riccio. Vincenzo Orazzo, direttore di esercizio della Linea 1, si dice "molto fiducioso". "Siamo passati ad un altro treno dopo l'incendio, un episodio accidentale, e porteremo a Roma una documentazione adeguata. Non escludo, però - aggiunge - che possano chiedere il parere di qualche docente universitario o sollecitare qualche piccola integrazione". Orazzo fa riferimento al fatto che la Commissione ministeriale ha ordinato lo stop dopo che durante il collaudo di un nuovo convoglio si era verificato un incendio a bordo, lo scorso 13 luglio.

Dopo il via libera di Roma, bisognerà comunque "calcolare i 5mila km obbligatori di pre-esercizio - spiega Orazzo - Dunque dobbiamo prevedere un mese".

La situazione oggi

I treni in servizio al momento sono stoltanto sei, e la linea ha dimezzato i suoi passeggeri rispetto al periodo pre Covid, con pesanti ripercussioni sul traffico cittadino. Vincenzo Falco, del sindacato Cisal, lamenta l'assenza del Comune "in attesa delle elezioni". "Per affrontare il disastro del trasporto a Napoli - dice - mancano gli interlocutori".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimandato ancora l'ok da Roma, restano fermi i nuovi treni della Linea 1

NapoliToday è in caricamento