rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Cronaca Chiaiano

Nunzia uccisa da un tumore dopo il parto, il dolore degli amici: "Ora veglia sulle tue principesse"

Tanti i messaggi per la giovane

C'è ancora tanto dolore e sgomento nel quartiere di Chiaiano che ieri ha dato l'ultimo saluto a Nunzia Giordano: la giovane mamma morta per un brutto male. Nunzia aveva 27 anni ed è venuta a mancare la settimana scorsa, poche ore dopo aver dato alla luce la sua secondogenita Emanuela.

Alla giovane, già mamma di una bimba di 4 anni, subito dopo aver scoperto la gravidanza è stato diagnosticato un tumore. Lei, però, non si è arresa ed ha portato avanti la stessa gravidanza. Consapevole di mettere a repetaglio la sua stessa vita, Nunzia ha voluto dare alla luce la sua figlioletta che, purtroppo, ha potuto tenere tra le braccia solo per poche ore.

Dopo il parto, infatti, la 27enne è deceduta per alcune complicazioni subentrate a causa del male contro il quale combatteva. Ieri l'intero quartiere si è fermato per dare l'ultimo saluto a questa "mamma coraggio" nella Parrocchia di Santa Maria a Piazza. Per lei, sono ancora tanti i messaggi anche sui social.

"Proteggi le tue principesse"

"Non Ci Pisso Crendere Ancora.. Mi Si è Ghiacciato Il Cuore Stamattina Nunziaù  Ora Restano Solo i Ricordi I Nostri Pomeriggi Trascorsi Insieme Amica Mia Non Ci Sono Parole. Dai Tanta Forza Alla Tua Mamma e Alle Tue Principesse R.I.P", ha scritto Mina.

O, ancora, c'è il messaggio di Maria: "Non ci sono parole mi si è spezzato il cuore appena lo saputo nn ci credevo. Come si fa ad accettare una cosa così. R.i.p. proteggi sempre le tue amate principesse". "Non si può credere...ci siamo sentite per gli auguri della nuova arrivata e adesso ti dobbiamo dire addio ti vorrò sempre bn Nunzia Antonio Reale  resterai sempre nei nostri cuori e di chi ti ha conosciuto R.i.p amica mia", scrive l'amica Nunzia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nunzia uccisa da un tumore dopo il parto, il dolore degli amici: "Ora veglia sulle tue principesse"

NapoliToday è in caricamento