menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una delle 'Statue Parlanti' @Rifiutarsi.it

Una delle 'Statue Parlanti' @Rifiutarsi.it

Nola, Statue Parlanti denunciano emergenza ambientale: "Un anno dopo, tutto resta uguale"

La provocazione durante la festa dei Gigli del 2012 degli attivisti di Rifiutarsi.it: "Nola come Seveso", "Più dossina, più tu muori", "Rifiuti Zero". Quest'anno le statue non parleranno "sono nauseate anche loro"

L'anno scorso, in occasione della Festa dei Gigli, gli attivisti della pagina web di denuncia di reati ambientali Rifiutarsi.it, mandò un originale messaggio alla cittadinanza di Nola. Una piccola provocazione, per risvegliare le coscienze sull'emergenza ambientale e sanitaria del territorio attraverso le 'stuatue parlanti'.

"Per una volta - spiegano gli attivisti - avrebbero riacquistato la parola alcuni simboli della città di Nola. I messaggi, appoggiati con dei cartelli a delle statue (San Paolino, Giordano Bruno e San Felice), erano brevi e semplici. Le statue avvertivano la cittadinanza della presenza sul nostro territorio di una vera e propria emergenza ambientale e sanitaria. Un’emergenza di cui l’attuale Amministrazione Comunale si disinteressa completamente. I messaggi erano i seguenti:

NOLA COME SEVESO perché il tipo di diossine presenti sul territorio nolano è uguale a quello ritrovato a Seveso dopo il grave incidente avvenuto il 10 luglio 1976 nell’azienda ICMESA. L’incidente provocò la fuoriuscita di una nube di diossina del tipo TCDD, una tra le sostanze tossiche più pericolose. E Nola non è certamente un centro industriale. In compenso, non ci facciamo mancare sversamenti illegali di rifiuti urbani, pericolosi e tossici e quotidiani roghi tossici.

PIÙ DIOSSINA, PIÙ TU MUORI perché si continua ad ostacolare la creazione di un registro tumori locale, ma basta stare a contatto con le persone della zona per rendersi conto che i malati di tumore e cancro aumentano in maniera esponenziale. Bisogna debellare urgentemente il problema degli sversamenti di rifiuti e dei roghi tossici, prima di raggiungere il punto critico di non ritorno nel rapporto ambiente/salute umana.

RIFIUTI ZERO perché è questa l’ultima speranza che ci rimane. L’ultima tappa di un lungo processo, che passa imprescindibilmente prima di tutto attraverso la risoluzione del problema rifiuti e roghi, è il riciclo totale. Il modello da adottare è quello del progetto “Rifiuti Zero” del comune di San Francisco. Sembrava un sogno, qualcosa di irrealizzabile. Ma dopo pochi anni a San Francisco si è arrivati a cifre incredibili: il 77% di rifiuti riciclati".

"Quest'anno le statue di Nola non parleranno. Sono talmente nauseate da essere rimaste senza parole. Anzi, alcune se ne sono proprio andate. Questa volta, il disgusto per l’inerzia comunale era troppo anche per loro" concludono gli attivisti di Rfiutarsi.it.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

  • Media

    Amici, il napoletano Aka7even vola in finale

  • Cronaca

    Lutto per il Gambrinus, è morta la storica cassiera

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento