L'appello degli avvocati di Noemi: "Eliminate foto e video della bimba"

"Le immagini sono sempre terribili e la cui identità merita rispetto", denunciano gli avvocati Pisani, che difendono la piccola ferita in un agguato

"Difendere Noemi, significa difendere tutta la parte buona di Napoli, significa difendere tutti i bambini del mondo. Ora la priorità è che la bimba guarisca e torni a casa", dichiarano in una nota gli avvocati Angelo e Sergio Pisani nominati dalla famiglia di Noemi per la difesa e per l’assistenza legale nei contatti con l’esterno dai genitori chiusi nel loro intimo riservo a pregare per la guarigione della figlia, di cui si chiede di rispettare la privacy ed attendere notizie positive prima di parlare di ogni altro aspetto.

Intanto dai legali un invito al garante della privacy per chieder tutela per i dati sensibili dei minori e per la "eliminazione immediata dal web, social e tv di foto e video della piccola Noemi le cui immagini sono sempre terribili e la cui identità merita rispetto. Come mamma Antonella e la famiglia di Ciro Esposito anche i giovani genitori di Noemi sono la bella immagine, onore ed esempio buono della Napoli perbene che tutti insieme dobbiamo far vincere sul male", dichiarano gli avvocati Pisani.

SVOLTA NELLE INDAGINI: LE ULTIME NOVITA'

La risposta della città

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ritiene che i genitori di Noemi non lasceranno Napoli. Lo ha detto in un'intervista a Radio Capital, a proposito di una dichiarazione strappata al papà della bambina ferita in un agguato camorristico lo scorso 3 maggio in piazza Nazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ho parlato a lungo con i genitori di Noemi e la reazione ci sta, è comprensibile, umana e finanche condivisibile per una tragedia di questo tipo – ha spiegato il primo cittadino partenopeo – ma non credo che vadano via. La notizia buona è che la bimba, seppur lentamente, migliora. La risposta della città è stata importante, una grandissima partecipazione collettiva in tutti i quartieri, così come è stata ottima la risposta delle forze di polizia e della magistratura che, dopo sette giorni, hanno individuato i presunti responsabili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • De Luca rilancia la movida: "Cinema all'aperto e musica nei locali: apriamo tutto"

  • Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria: addio al noto designer Roberto Faraone Mennella

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento