menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Refezione

Refezione

Caos refezione, niente pasti: a rischio quattro municipalità

La nuova gara europea, incentrata sull'alimentazione sana e sulla riduzione dei rifiuti, è stata aggiudicata poco prima di Natale ma le vacanze hanno rallentato l'iter

Una questione che va avanti da troppo tempo. E la domanda di Ilaria Puglia del Mattino è più che lecita: i bambini potranno avere un pasto caldo in classe a partire da lunedì 7 gennaio? Caos refezione da inizio anno scolastico, mamme che hanno dovuto scegliere l'autogestione per non lasciare i figli a digiuno.

Il punto della situazione: la nuova gara europea, incentrata sull’alimentazione sana e sulla riduzione dei rifiuti, è stata aggiudicata poco prima di Natale. Ma le vacanzehanno rallentato il completamento dell’iter da parte delle Municipalità. Ciò significa che il servizio partirà in ritardo per i bambini delle scuole appartenenti alla VI, VII, IX e X Municipalità ovvero Ponticelli, Barra, San Giovanni a Teduccio, Miano, Secondigliano, San Pietro a Patierno, Soccavo, Pianura, Bagnoli e Fuorigrotta.


Il problema nelle quattro municipalità? Il Comune non avrebbe stanziato in tempo i fondi per il personale ata necessario al servizio di mensa nelle scuole statali. La variazione di bilancio conseguente è stata approvata il 28 dicembre. Spettava poi alle Municipalità firmare gli atti necessari, ma non tutte hanno rinunciato alle ferie per farlo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cura della persona

    Come usare il blush per riequilibrare la forma del viso

  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento