La decisione / Casalnuovo di napoli

Niente tasse a chi denuncia il racket: l'iniziativa

La scelta del Comune di Casalnuovo

"Come amministrazione abbiamo già mostrato la nostra piena vicinanza a chi ha scelto di denunciare e lo faremo anche questa volta, tendendo sempre la mano a chi decide di ribellarsi e liberarsi dalle estorsioni. Continueremo a sostenere tutti gli imprenditori che denunceranno il racket attraverso l'applicazione del nostro protocollo di legalità". Lo ha dichiarato Massimo Pelliccia, sindaco di Casalnuovo in merito all'operazione di ieri con due arresti da parte dei carabinieri che ha sgominato tentativi estorsivi ai danni di imprese edili grazie alla denuncia delle vittime. "Faccio i miei complimenti e ringrazio le forze dell'ordine per l'ottimo lavoro svolto - ha aggiunto il primo cittadino - questi arresti sono un segnale importante per chi è vittima di un sistema estorsivo. Queste notizie testimoniano che denunciare è di fondamentale importanza e che all'atto della denuncia c'è una rete pronta a sostenere gli imprenditori che si ribellano".

Il Comune, inoltre, grazie ad un regolamento approvato negli anni scorsi, garantisce l'esonero dalle imposte comunali per chi non si arrende e decide di denunciare. Un importante supporto alle indagini è stato fornito dalle telecamere del circuito di videosorveglianza: a vigilare le strade principali ci sono infatti 150 occhi elettronici, che registrano giorno e notte quanto avviene in città. "Negli ultimi mesi il nostro sistema di videosorveglianza è stato di fondamentale importanza per le indagini in corso da parte delle forze dell'ordine. A breve il sistema sarà ulteriormente potenziato, grazie ad un finanziamento ministeriale ottenuto, che ci permetterà di acquistare altre 100 telecamere che vigileranno su aree periferiche e frazioni della città - ha spiegato Pelliccia - sono state individuate le aree più a rischio e tra poco saranno tutte presidiate elettronicamente. Dobbiamo continuare a denunciare ed a ribellarci, nessuno sarà lasciato solo. Come amministrazione non faremo mai mancare il pieno supporto a chi si rivolge alle autorità proposte per denunciare. Così come già avvenuto in occasione di altre denunce, il Comune si costituirà parte civile. Un atto sentito per tutelare l'immagine della nostra città ed anche per far sentire la nostra piena vicinanza agli imprenditori che si ribellano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente tasse a chi denuncia il racket: l'iniziativa
NapoliToday è in caricamento