menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio Ansa

Immagine d'archivio Ansa

Crisi Covid, senza turisti negozi in difficoltà: imprenditore minaccia sciopero della fame

La richiesta non è di sussidi ("che il Governo fa bene a destinare a chi si è rimasto senza reddito"), ma di fare tutto il possibile per "accelerare la riapertura del Paese"

Si dice pronto ad iniziare lo sciopero della fame Antonio Esposito. Imprenditore, è il gestore di alcuni negozi di piazza Municipio, di prodotti essenzialmente indirizzati ad una clientela di turisti.

La protesta è perché "il Governo si attivi al più presto per far ripartire il turismo o il nostro settore sarà la prima vittima post-Covid".

"Il mio settore a Napoli consente a migliaia di persone di lavorare, ma senza la materia prima, i turisti, i costi da affrontare diventano giorno dopo giorno sempre più esorbitanti e non credo che resti molto tempo prima di vedere abbassarsi centinaia di saracinesche come le mie".

La richiesta non è di sussidi ("che il Governo fa bene a destinare a chi si è rimasto senza reddito"), ma di fare tutto il possibile per "accelerare la riapertura del Paese".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento