Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riaprono i negozi: "Pochi clienti e molte attività sono già fallite"

Ripartenza timida al corso Umberto, nel centro di Napoli, dove decine di serrande sono rimaste abbassate

In molti hanno già chiuso. Molti sanno già che chiuderanno nei prossimi mesi. Per questo motivo, oggi, al corso Umberto I di Napoli la felicità per la riapertura dei negozi dopo quasi due mesi di zona rossa era mescolata alla preoccupazione di un futuro che, a oggi, non appare roseo. 

Decine di serrande sono rimaste abbassate, non si contano le vetrine svuotate all'interno delle quali sono rimasti pochi manichini svestiti. I commercianti storici, come Attilio Pinto, titolare di Casa di Torino, precisano che la pandemia ha dato solo il colpo di grazia ad una zona, quella del corso Umberto, già martoriata da trentennale cantiere per la metropolitana in piazza Nicola Amore e dai lavori di via Marina: "E' ormai da tempo che questa zona è in crisi. Solo intorno al mio negozio hanno chiuso già cinque attività".

Nonostante le diverse settimane in zona rossa, i cittadini non sembrano morire dalla voglia di acquistare. "I clienti sono pochissimi, forse la gente ha paura, oppure la crisi è troppo forte. E' come se non avessimo aperto" spiega una commerciante. Sullo sfondo, il pensiero corre ai debiti contratti per restare a galla e alle tasse da pagare: "Lo Stato per noi non ha fatto nulla, a parte ristori risibili - afferma Raffaele Capasso, dell'omonimo negozio di abbigliamento - Anche i dipendenti ci dicono che la cassa integrazione non è arrivata". 

E c'è già chi preannuncia un futuro nero: "In molti non conosciamo il nostro destino. Non sappiamo che sarà il prossimo a chiudere la serranda". Correva l'anno 2011 quando il neoeletto sindaco de Magistris annunciava il progetto di rendere l'area tra piazza Garibaldi e il Rettifilo come le Ramblas di Barcellone. Dieci anni dopo, più che un progetto sembra un miraggio.   

Si parla di

Video popolari

Riaprono i negozi: "Pochi clienti e molte attività sono già fallite"

NapoliToday è in caricamento