Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Napoli fanalino di coda per servizi alla prima infanzia: il soccorso di Pianoterra alle madri

 

Scarsi servizi all'infanzia, scarse possibilità di accesso ad scuole materne, enorme dispersione scolastica, poche scuole aperte di pomeriggio. Napoli, più in generale tutta la Campania, è nel fondo della classifica per diversi elementi legati alla crescita dei dei bambini. Una situazione che mette in seria difficoltà molte madri, oltre a minare il futuro dei ragazzi. 

L'associazione Pianoterra ha presentato, al Museo archeologico nazionale, il bilancio di 10 anni di attività, in cui ha aiutato 600 donne italiane e straniere ad assistere ai loro figli durante la prima infanzia e, allo stesso tempo, reinserirle nel mondo del lavoro. 

"Il nostro sogno è quello di creare una rete per la micro-imprenditoria femminile, ma siamo ancora in fase sperimentale" spiega la responsabile scientifica di Pianoterra, Flaminia Trapani.

Uno dei partner per la realizzazione di questi progetti è Save The Children: "In Campania meno di 2 bambini su cento hanno accesso all'asilo - afferma Raffaella Milano di Save - Inoltre, Napoli è una delle città con il minor numero di scuole aperte nel pomeriggio ma con la più alta dispersione scolastica. Per questo motivo, i progetti di Pianoterra sono fondamentali sia per i bimbi che per le madri".

Potrebbe Interessarti

  • Tina Colombo mostra il suo yacht ai fan: "Eccovi accontentati"

  • "Agostino 'o pazzo", il motociclista acrobatico che mise in scacco la polizia napoletana

  • Droga nascosta nella finestra: arrestato pusher

  • Rione Traiano, un arsenale scoperto in un terreno abbandonato

Torna su
NapoliToday è in caricamento