menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Shangai

Shangai

È di un napoletano il primo film girato a Shangai

La pellicola girata nel 1907 dal napoletano Enrico Amer Lauro è il primo assoluto documento su celluloide della capitale economica cinese

 Il team di ricercatori coordinati dal professore Giorgio Casacchia, esperto culturale dell'Istituto Italiano di cultura di Shanghai, hanno dato vita alla mappa storica "Gli italiani a Shangai, 1608-1949", evidenziando come sia stato realizzato da un napoletano il primo film girato nella città: "La dolce vita nel quartiere delle Legazioni".

La pellicola girata nel 1907 dal napoletano Enrico Amer Lauro, è il primo assoluto documento su celluloide della capitale economica cinese, anche se esistono solo tracce cartacee, visto che le copie sono andate perdute.

"Purtroppo - spiega il professore Casacchia, docente di filologia cinese all'Università l'Orientale di Napoli ed autore del massimo dizionario cinese-italiano - la ricerca si basa non su tantissime fonti, a causa delle guerre, delle vicende storiche che hanno spesso portato alla distruzione di archivi importanti. Ma i dati che abbiamo raccolto parlano di una presenza di italiani importante. Il primo straniero a mettere piede a Shanghai fu un italiano, il missionario gesuita Lazzaro Cattaneo nel 1608. Da allora tanti gli italiani che sono arrivati sulle rive dello Huangpu, e tra questi molti campani". Il primo di questi di cui si ha notizia certa è il gesuita Angelo Zottoli, missionario originario di Acerno, che a Shanghai non solo si distinse per la sua predicazione, ma per essere uno dei piu' eminenti sinologi. A lui si deve l'instaurazione della biblioteca (che vive tuttora) di Zikawei, l'odierno quartiere di Xujiaquei, un tempo fulcro della cultura a Shanghai, ma anche la pubblicazione della piu' monumentale opera sullo studio del cinese, il Cursus Litteraturae Sinicae in 5 volumi. “Con la fine della guerra dell'oppio e l'inizio delle legazioni - continua Cassacchia - a Shanghai cominciano ad arrivare imprenditori da tutto il mondo nei settori piu' disparati. E l'arrivo di questi che volevano fare affari a Shanghai, spinse anche molti avvocati e consulenti a giungere nella capitale economica cinese, per aiutarli nelle loro imprese".

Fra questi, l'avvocato napoletano Domenico Massa, autore, tra l'altro, di un importante saggio sulla legislazione cinese e che per un breve periodo sarebbe stato a capo della compagnia tranviaria di Shanghai.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento