rotate-mobile
Cronaca

Si infittisce il mistero dei tre napoletani in Messico: i poliziotti sono irreperibili

Secondo il sindaco di Tecalitlan starebbero seguendo un corso di formazione a Guadalajara, ma i familiari dei poliziotti non riescono a mettersi in contatto con i loro cari. La Farnesina non conferma ancora gli arresti

Si compone di nuovi, inquietanti, pezzi il mistero dei tre napoletani scomparsi in Messico, a Tecalitlan, nello stato di Jalisco. Ieri vi abbiamo dato la notizia dell'arresto dei tre poliziotti. Secondo la locale procura i tre avrebbero "consegnato" a una banda armata locale i tre napoletani fermati. La notizia è confermata da molti organi d'informazione messicani, come riporta Chi l'ha visto nella puntata odierna. Ma la notizia è che ora i poliziotti, i trentatre indagati in un primo momento, sono diventati irreperibili. Da Tecalitlan sono stati spostati a Guadalajara, ufficialmente "per un corso di formazione", come dice il sindaco di Tecalitlan in una conferenza stampa mostrata da Chi l'ha visto. 

hhh-2-2


Ma i familiari dei poliziotti non riescono a contattare i loro cari. Lo conferma un parente dei poliziotti in un'intervista a Chi l'ha visto. Irreperibile è anche il capo della polizia di Tecalitlan, che da quando il caso è diventato di dominio pubblico è svanito nel nulla. Una familiare dei tre napoletani, Fortuna, in collegamento telefonico con la trasmissione Rai, ha detto: "Io credo alle notizie di stampa messicane, credo che i tre poliziotti siano stati arrestati, anche se la Farnesina non ha confermato la notizia. Spero che Raffaele, Antonio e Vincenzo stiano ancora bene". Ulteriori novità nelle prossime ore: Chi l'ha visto ha inviato in Messico un giornalista, Ercole Rocchetti, che sta indagando sul posto. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si infittisce il mistero dei tre napoletani in Messico: i poliziotti sono irreperibili

NapoliToday è in caricamento