menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Movida in città

Movida in città

La città che non dorme: nuovi orari per la movida e bus fino all'alba

De Magistris: "Vogliamo consentire ai giovani di vivere Napoli e ai commercianti di svolgere meglio la loro attività". Ma i residenti protestano: "Così non dormiamo più"

Se ne vedranno delle belle. Perché Napoli, a quanto pare, avrà sempre meno voglia, e meno ore a disposizione, per dormire. Una città sempre più accesa per rimettere in moto l'economia. Movida fino all'alba nei weekend e bus notturni potenziati. Insomma, impossibile rimanere chiusi in casa.

Peccato però che i residenti di Chiaia e del centro storico non siano poi così contenti. Facile capire il perché: "Così non dormiamo più". Le stesse associazioni di categoria di bar e ristoratori si lamentano: "Se in settimana ci costringono a chiudere per le due di notte è troppo presto: moriremo comunque".

I FATTI - Con un'ordinanza, il Comune elimina le zone rosse individuate dall'amministrazione Iervolino nelle quali gli esercizi pubblici come bar, pizzerie e pub erano soggetti a orari di apertura e vendita di alimenti e bevande più restrittivi, come i vicoletti di Chiaia, largo San Giovanni Maggiore al centro storico e Bagnoli. In arrivo, dunque, regole uniche per tutta la città. L'ordinanza prevede nuovi orari in vigore fino al 25 marzo 2012 di chiusura degli esercizi. Vediamoli: sabato e domenica le attività svolte all'esterno chiuderanno alle 3, mentre quelle all'interno si prolungheranno fino alle 5 di mattina. Il venerdì la chiusura è fissata alle 3 per le attività esterne e alle 4 per quelle interne. Per i restanti giorni della settimana la chiusura è all'una di notte per le attività esterne e alle due per quelle interne. Annunciato inoltre un potenziamento notturno di tutte le circolari e di metro e funicolari,

L'IDEA DI DE MAGISTRIS - L'obiettivo, fa sapere il sindaco, "è consentire ai giovani di vivere la città e ai commercianti di svolgere meglio la loro attività". Ma non mancano le critiche. Ulderico Carraturo del sindacato bar-pasticcerie Fipe: "A Napoli si esce tardi la sera e in settimana chiudere alle due è troppo presto. Così non si risveglia l'economia. I problemi degli schiamazzi all'esterno, poi, non sono da imputare a noi. I nostri clienti sono nei locali, non per strada". Mentre Vincenzo Schiavo della Confesercenti chiede al sindaco aree da gestire come parcheggi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Salute

Al Policlinico Federico II visite ed esami gratuiti per le donne

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento