Piazza Santa Maria la Nova: motorini sfrecciano tra i tavolini dei bar

La ztl viene violata sistematicamente. La denuncia dei ristoratori: “Veniamo aggrediti se ci ribelliamo”

Una delle piazze più belle di Napoli diventata preda degli scooter. È ciò che denunciano i ristoratori e i commercianti di piazza Santa Maria la Nova. L'area sottoposta a isola pedonale, in realtà viene sistematicamente “aggredita” da decine di motorini che la percorrono in barba al divieto. Gli scooter, infatti, oltrepassano i varchi d'accesso dribblando i dissuasori con le catene ed entrano nella piazza per raggiungere le stradine del centro storico ed evitare un giro troppo “impegnativo”. Nella maggior parte dei casi entrano dal varco di via Monteoliveto o da quello laterale alla piazza per poi sfrecciare nell'area pedonale. 

La parte più pericolosa della violazione è rappresentata dal fatto che quotidianamente ci sono centinaia di persone sedute ai bar e ai ristoranti che occupano l'area. Persone che più di una volta devono spostarsi, se sono a piedi, o peggio ancora vedersi sfrecciare i motorini accanto al tavolo se sono seduti. Non è raro che gli scooter colpiscano anche sedie o tavolini dei bar rischiando di investire gli avventori. Nel caso del varco di via Monteoliveto per entrare nell'area pedonale passano in uno spazio dove spesso ci sono persone a piedi che dribblano pericolosamente. Nell'altro caso del varco laterale della piazza passano addirittura dinanzi all'ingresso di un bar rischiando sistematicamente di investire le ignare persone che escono dall'esercizio commerciale. “L'altro giorno ho salvato con un urlo una bambina di cinque anni” ci racconta un'imprenditrice che da lontano ha visto uno scooter evitare la piccola per un pelo e solo dopo il suo avvertimento. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Se ci ribelliamo veniamo aggrediti. L'ultima volta è capitato domenica sera. Un ragazzo ha bordo di uno scooter, dopo essere passato tra i tavoli, alla mia lamentela ha risposto: 'Dammi cinque minuti, vado a prendere il ferro a casa e ti sparo in faccia'”, ha raccontato la vittima. Tutti gli esercenti della zona chiedono più controlli e sostegno alle loro attività messe seriamente a rischio dal passaggio indiscriminato e pericoloso di mezzi a due ruote. “Nonostante paghiamo regolarmente l'occupazione di suolo pubblico siamo costretti a temere per l'incolumità dei nostri clienti. È un peccato che una delle piazze più belle della zona venga abbandonata così dalle istituzioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Divieto di spostamento tra province in Campania e zona rossa: ecco l'ordinanza n.82

  • Coronavirus, la nuova ordinanza del Presidente De Luca: gli orari previsti per le attività

  • Orrore in ospedale, per una sigaretta aggredisce un uomo e gli cava gli occhi

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy e KN95: ecco dove acquistarle scontate

  • Stop agli spostamenti interprovinciali (non giustificati), torna l'autocertificazione: la nuova ordinanza

  • Scende dall'auto e si lancia nel vuoto dal ponte dei suicidi: muore 71enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento