Cronaca

E' morto il farmacista Vincenzo Angelino: "Ha dedicato tutta la sua vita al servizio degli ammalati"

Il decesso dopo il ricovero al Cotugno. Aveva solamente 58 anni

Lutto a Cardito per la morte del farmacista Vincenzo Angelinoa soli 58 anni. Il decesso è avvenuto ieri all’ospedale Cotugno, dove era ricoverato dal primo maggio. Oggi alle 16 si terranno i funerali, nella chiesa di San Biagio di Cardito.

"La benedizione del feretro di Vincenzo Angelino, conosciutissimo e apprezzato infermiere della storica farmacia De Pasquale di Cardito, che il covid ci ha portato via in pochi giorni. Fin da giovanissimo si era votato alla professione di farmacista e di infermiere, dedicandosi incessantemente al servizio degli ammalati e degli infermi come missione laica per il prossimo. Eroicamente ha vissuto mettendo sempre il bisogno degli altri al primo posto, eroicamente è morto contraendo il virus letale, proprio nel servizio degli ammalati. Enzo, 58 anni, celibe, già esperto farmacista, si è laureato anche in Scienze infermieristiche ed ha conseguito numerosi master. La sua grande preparazione professionale multidisciplinare lo ha portato a ricoprire anche il ruolo di tutor dei corsi di Tirocinio Clinico presso l’Università Luigi Vanvitelli. Farmacista espertissimo, infermiere dotto e sapiente, non meno di medicina e chirurgia, sapeva inquadrare e consigliare su problematiche e patologie che, spesso, sfuggivano addirittura al medico specialista. Curava con amore e maestria gli ammalati: ha condotto una vita virtuosa e beata, dedicandosi interamente a quanti avevano bisogno di cure ma anche solo di un consiglio competente e sapiente… La sua battaglia contro il covid è iniziata lo scorso 1 maggio. Ricoverato d’urgenza all’ospedale Cotugno di Napoli, è spirato al cielo ieri 9 maggio, proprio al termine della supplica della Vergine di Pompei, quando si è concluso il suo calvario. Per tutti è stato un Amico Sincero, un Fratello maggiore, Amorevole e Vero, un baluardo di carità cristiana, un faro di sapienza e di conoscenza. Virtuosamente ha praticato sempre il bene, ha esercitato la prudenza, la giustizia, la fortezza e la temperanza, le virtù e la grazia, la fede, la speranza e la carità. Che la Madre di Cristo lo accolta tra i Beati, tra gli Angeli e i Santi nella Gerusalemme Celeste perché possiamo testimoniare che, in Lui, nella tua Anima sempre gentile, la Carità si è incarnata fino a diventare concreta, esprimendosi sempre delicatamente, con Amore fraterno, verso chiunque gli chiedeva un consiglio, un aiuto per la propria salute. In uno degli ultimi messaggi scrivevi: “Raffaele, sto coltivando eremitaggio e mortificazione della carne”, questa volta era per davvero! Beatamente ha vissuto e santamente è volato al cielo, esercitando laicamente ed eroicamente le cristiane virtù che, a ragione, possiamo ritenere proprie dei servi di Dio. L’intera comunità di Cardito si stringe intorno alla cara mamma Marianna, ai fratelli Giovanni e Marisa, all’amato nipote, Claudio", scrive nel post Facebook il giornalista Raffaele Mugione, amico del compianto farmacista.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' morto il farmacista Vincenzo Angelino: "Ha dedicato tutta la sua vita al servizio degli ammalati"

NapoliToday è in caricamento