rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca

Quindicenne morto dopo aver mangiato sushi: ristorante posto sotto sequestro

Sono due le persone indagate per omicidio colposo, il titolare del ristorante, un cittadino cinese e il medico di base che ha prescritto al giovane la terapia

E' stato posto sotto sequestro dai Carabinieri del Nas il ristorante di sushi di via Bernini, al Vomero, in cui il 23 novembre scorso aveva cenato Luca Piscopo, 15enne morto diversi giorni dopo nella sua abitazione.

Il provvedimento è stato emesso dalla Procura di Napoli che indaga sul decesso del giovane, originario du Soccavo. Il 15enne, come trapelato in ambito familiare, già poche ore dopo la cena offerta con la formula "all you can eat", si era sentito male con febbre alta, diarrea e vomito. Il decesso è poi sopraggiunto il 2 dicembre. Sono due le persone indagate per omicidio colposo, il titolare del ristorante, un cittadino cinese e il medico di base che ha prescritto al giovane la terapia. Sulla salma è stata eseguita l'autopsia per poter accertare le cause della morte.

"Si presume che dall’esame autoptico sia emerso qualcosa. Ma allo stato non sappiamo ancora cosa", spiega il legale della famiglia Piscopo a NapoliToday.

La madre: "Stava benissimo, vogliamo chiarezza"

Rosaria Borrelli, madre di quello che tutti hanno descritto come un ragazzo d'oro e studente modello, ha spiegato in una intervista nei giorni scorsi che Luca stava benissimo. "Non aveva alcun problema, non c'era alcuna ombra nella sua vita".

Quel giorno, spiega, era andato a scuola ed aveva partecipato ad una gita. Poi il gruppo si era sparpagliato e lui aveva scelto di andare al ristorante di sushi con tre compagni di classe. "Sin dalla sera ha accusato dei disturbi fisici, sintomi che potrebbero essere riconducibili a chissà quante altre malattie", spiega la donna: "Dolori alla pancia, diarrea, febbre alta, vomito". Il medico di famiglia gli ha prescritto entorogermina, tachipirina, antibiotici. Non è servito.

"Abbiamo il diritto di sapere per quale motivo un ragazzino nel pieno dei suoi anni e della sua forza fisica debba finire in questo modo. Vogliamo sapere se ci sono stati errori da parte di qualcuno". La verità, "fosse anche – conclude – per evitare che fatti del genere si ripetano", ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quindicenne morto dopo aver mangiato sushi: ristorante posto sotto sequestro

NapoliToday è in caricamento