Tragedia in azienda, Salvatore Brancaccio muore schiacciato da un muletto

L'imprenditore 46enne di Caivano è la vittima del tragico incidente avvenuto ieri in una fabbrica di Pozzilli, in provincia di Isernia

Ansa, immagine d'archivio

È Salvatore Brancaccio, un imprenditore, il 46enne di Caivano che ha perso la vita ieri in un incidente avvenuto in un'azienda di Pozzilli in provincia di Isernia.

L'uomo, amministratore della Errep Tecnologie (ditta specializzata nella lavorazione dei metalli), si trovava con suo figlio all'interno del capannone quando è stato schiacciato da un carrello elevatore.

Il 46enne è rimasto ucciso dalle pale d'acciaio del mezzo, che l'hanno colpito alla testa. Non è ancora chiaro se a monte dell'incidente ci sia un cedimento del mezzo o un'errata manovra. È stato il figlio dell'uomo a dare l'allarme. Inutili i soccorsi.

La tragedia sul lavoro, in provincia di Isernia

Sul posto sono giunti i carabinieri e il sostituto procuratore Maria Carmela Andricciola che si occuperà delle indagini. Sono stati effettuati rilievi e raccolte testimonianze, mentre il muletto è stato sequestrato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • Covid-19 e polmonite interstiziale, quando l’infezione colpisce i polmoni: l’intervista allo pneumologo

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

Torna su
NapoliToday è in caricamento