Morte 16enne al Cardarelli, il direttore sanitario: "Evento violento, sospetta meningite"

La sorella intanto è sotto osservazione al Cotugno per alcune linee di febbre

Siccome l'evento è stato così violento e improvviso, non abbiamo una diagnosi certa. Ma ci sono sospetti che si tratti di meningite”. Così Franco Paradiso, direttore sanitario del Cardarelli, a proposito della morte – avvenuta stamane nell'ospedale partenopeo – di un 16enne di Marano.

“Abbiamo inviato al Cotugno un campione di sangue del ragazzo defunto per avere risconti su un'eventuale meningite – ha proseguito Paradiso – La sorella, invece, è stata trasferita presso quel presidio ospedaliero. Abbiamo avviato i protocolli standard previsti per i nostri dipendenti”.

Sono attualmente in corso esami microbiologici sul corpo del ragazzino, il cui esito dovrebbe essere reso noto nel pomeriggio di oggi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La ragazza, 19 anni, ha la febbre e si teme possa essere stata contagiata. È ora sotto osservazione nella Prima Divisione del Cotugno: quando è arrivata aveva una temperatura corporea di 37,5 gradi. Esami eseguiti anche sui suoi campioni di sangue.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Nuova ordinanza di De Luca: pubblicato il testo e le linee guida (I DOCUMENTI)

Torna su
NapoliToday è in caricamento