rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

Muore di Covid durante la riabilitazione in ospedale: la denuncia della famiglia

Il 76enne, originario di Napoli, era stato ricoverato dopo un ictus

Esposto all’autorità giudiziaria della sorella di un 76enne originario di Napoli, ma residente a Viterbo ricoverato all’istituto Hermitage di Capodimonte. Stando alla denuncia della sorella, assistita dai legali di Studio3A, l'uomo sarebbe rimasto contagiato di Covid nella struttura sanitaria napoletana, dove si trovava per la riabilitazione da un ictus e dove è morto dopo due settimane di agonia.

Il 3 aprile 2020 l'uomo era stato colpito da un’ischemia cerebrale e ricoverato in un ospedale della sua città. Non avendo moglie e figli che potessero accudirlo, se n’è fatta carico in primis la sorella, che abita a Napoli e che, per la riabilitazione necessaria dopo le dimissioni dal nosocomio, ha ricoverato il fratello presso l’Istituto di Diagnosi e Cura Hermitage a Capodimonte.

Da qui, stando a quanto riferiscono i legali, sarebbe iniziato un lungo calvario: dall’Hermitage il 14 agosto 2020 viene trasportato d’urgenza all’ospedale Cardarelli per una grave setticemia, un’infezione alle vie urinarie per la quale versa anche in pericolo di vita, salvo poi riprendersi; una volta dimesso, per le cure riabilitative viene condotto in Villa Angela, dove però rimane solo per pochi giorni perché la clinica è stata convertita in centro Covid.

I parenti, quindi, individuano un'altra casa di riposo, sempre a Napoli. Qui però l’anziano il 31 gennaio 2021 viene colto di nuovo da un ictus e trasportato all’ospedale Cto dei Colli Aminei, da dove, dopo 4 giorni di ricovero in Neurologia, lo trasportano ancora all’Hermitage per la riabilitazione. Fino al 20 febbraio 2021 la sorella riesce a comunicare con l'uomo per telefono ma in seguito i contatti diventano sempre più difficili fino a interrompersi del tutto per l’aggravamento del suo stato di salute.

I parenti cercano di trasferirlo in una stanza a pagamento, per favorire l'assistenza di un familiare, ma il 9 marzo 2021 gli stessi parenti vengono informati che l'uomo è risultato positivo al Covid. Dopo alcuni giorni viene trafserito nuovamente al Cardarelli per l'aggravarsi delle condizioni, fino alla morte il 25 marzo scorso.

La famiglia il 27 marzo ha sporto denuncia al commissariato di pubblica sicurezza del Vomero, chiedendo di accertare eventuali responsabilità sul decesso del 76enne.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore di Covid durante la riabilitazione in ospedale: la denuncia della famiglia

NapoliToday è in caricamento