Arte in lutto, morto Bruno Di Bello: fu protagonista della "pittura nucleare"

Di Bello si formò all'Accademia di Belle Arti di Napoli, per poi partecipare negli anni Cinquanta alla grande stagione di rinnovamento che vede Napoli protagonista nelle tendenze artistiche internazionali

Bruno Di Bello, è morto ieri a Milano all'età di 81 anni. L'annuncio della scomparsa è stato dato oggi dalla sua famiglia. Nato a Torre del Greco nel 1938 e stabilitosi a Milano dal 1967, fu tra i protagonisti del Gruppo 58 e sostenitore di una "pittura nucleare".

Di Bello si formò all'Accademia di Belle Arti di Napoli, per poi partecipare negli anni Cinquanta alla grande stagione di rinnovamento che vede Napoli protagonista nelle tendenze artistiche internazionali.

Fondatore del Gruppo 58, con cui propugnò la "pittura nucleare" in accordo con l'avanguardia milanese, l'artista è stato tra i redattori della rivista "Documento Sud". Si dedicò negli anni '60 ad un linguaggio di matrice informale, in linea con le sperimentazioni di Guido Biasi, Luca (Luigi) Castellano, Lucio Del Pezzo, Sergio Fergola e Mario Persico. G

Sperimentò da allora nuove soluzioni espressive, sia in ambito pittorico che fotografico. Al 1966 risale la prima personale alla Galleria Lucio Amelio di Napoli cui seguirono altre due mostre nel 1970 e 1977. Nel 1971 espose alla Biennale di Venezia e per la prima volta allo Studio Marconi di Milano, dove avrebbe esposto ancora nel 1974, 1976, 1978, 1981 e 2003. Tra le tante, importanti mostre all'estero, è da segnalare quella alla Kunsthalle di Berna nel 1974. Nel 2010 la Fondazione Marconi gli dedicò una grande antologica e nel 2011 ebbe una personale al Museu de Arte Contemporanea de Niteroi a Rio de Janeiro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da sempre affascinato dai procedimenti meccanici di riproduzione dell'immagine, Di Bello si è dedicato a partire dall'inizio degli anni duemila a un nuovo medium, il computer, grazie al quale riprende l'indagine sul segno ora tradotta nella forma dei frattali, punto di incontro tra rigore scientifico ed espressione artistica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavatrice: gli errori che non sai di commettere, ma che paghi in bolletta

  • Gianluca Manzieri: "Ho dovuto trovare la forza e il coraggio per affrontare il male e per sconfiggerlo"

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - A centrocampo può restare Palmiero: "Decidono Gattuso e Giuntoli"

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • Giuseppe Vesi: "Non ci sono scuse per quello che ho fatto. Ora non esco di casa perchè ho paura"

  • Improvviso (e imprevisto) temporale su Napoli: tregua dall'afa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento