La tragica morte di Aniello: è lui l'ultima vittima sul lavoro

Trentadue anni, è stato risucchiato ed ucciso da un macchinario del pastificio in cui lavorava, a Polvica di Nola

Aniello Bruno, foto Facebook

Si chiamava Aniello Bruno il 32enne morto ieri sul lavoro, in un pastificio di Polvica di Nola.

Un incidente terribile. Era, intorno alle 17 di ieri, nel reparto imballaggi insieme ad altre tre persone quando – per motivi ancora da accertare – è stato risucchiato e stritolato da un macchinario.

La notizia: tragedia in un pastificio, muore operaio

I colleghi hanno subito chiamato i soccorsi, ma i sanitari del 118 non hanno potuto fare nulla per salvargli la vita.

Sul caso sono in corso indagini – che si avvarranno anche delle registrazioni della videocamere di sicurezza – e la salma del giovane sarà sottoposta ad autopsia.

Intanto è lutto per la comunità di San Felice a Cancello, cittadina da cui proveniva il giovane operaio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tutto sulla dieta che ha restituito a Fiorello la sua forma smagliante

  • Fuga d'amore a Dubai per Tony e Tina Colombo: le foto bollenti

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Covid-19 e polmonite interstiziale, quando l’infezione colpisce i polmoni: l’intervista allo pneumologo

  • Cade dal balcone di casa: 40enne trasportata in gravi condizioni in ospedale

  • Paura a Scampia, esplosione in un appartamento: fiamme devastano abitazione

Torna su
NapoliToday è in caricamento