rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca Ottaviano

Tragedia stradale nella notte, si ribalta l'auto: Alessandro e Riccardo muoiono a 24 anni

L'impatto alla rotonda di Casavatore. Con le vittime viaggiavano anche due ragazze di 22 e 24 anni. La prima si trova al Cardarelli in prognosi riservata, l'altra a Frattamaggiore in codice giallo

Un gravissimo incidente mortale. È quello verificatosi la scorsa notte nei pressi della rotonda di Casavatore. Due ragazzi di 24 anni, entrambi di Ottaviano, hanno perso la vita.

Il drammatico sinistro è avvenuto intorno alle 4. L'auto sulla quale viaggiavano quattro giovani, una 500, si è capovolta in via detta Strada di Casoria alla rotonda con Casavatore.

Mentre per i due 24enni non c'è stato nulla da fare, due ragazze, rispettivamente di 22 e 24 anni sono state trasportate in ospedale. La prima si trova al Cardarelli in prognosi riservata, l'altra a Frattamaggiore in codice giallo.

Ad intervenire sul luogo dell'incidente è stato il reparto di Infortunistica Stradale della Polizia locale. Indagini in corso per ricostruire la dinamica di quanto successo.

Il cordoglio del sindaco di Ottaviano

Così sulla tragedia Luca Capasso, sindaco di Ottaviano: "È una domenica tristissima per Ottaviano. Nella notte due giovani nostri concittadini hanno perso la vita in un incidente stradale a Casavatore. Alessandro e Riccardo erano due studenti di appena 24 anni, due bravi ragazzi ai quali è stato sottratto il futuro da un destino assurdo. La comunità ottavianese è vicina alle loro famiglie. Da padre posso immaginare quanto può essere forte il dolore dei genitori in questo momento e so che ogni parola è superflua. Nel silenzio e nella preghiera comunichiamo loro tutto il nostro affetto e la nostra vicinanza. Preghiamo, inoltre, per i feriti ricoverati in ospedale. Il giorno dei funerali, a Ottaviano sarà proclamato il lutto cittadino".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia stradale nella notte, si ribalta l'auto: Alessandro e Riccardo muoiono a 24 anni

NapoliToday è in caricamento