menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Influenza A, nona vittima in Campania: un musicista di 37 anni

Aumentano le vittime dell'influenza A: dopo i due decessi di ieri, si apprende la notizia di Fernando L, un musicista di 37 anni, morto ieri a Salerno. L'uomo aveva gravi problemi di salute ed era già sottoposto a dialisi

Si registra ancora un decesso per l'influenza A in Campania.
Un musicista (e non un medico ) di 37 anni, Fernando L., è morto la notte scorsa nell'ospedale San Giovanni di Dio Ruggi d'Aragona di Salerno, dove era ricoverato. Si tratta della nona persona morta in Campania dopo aver contratto il virus H1 N1. Era sottoposto a dialisi. L'uomo proveniva da Altavilla Silentina, un piccolo centro ad una cinquantina di chilometri dal capoluogo. Al momento del decesso era ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale.

Appassionato di jazz, conosciuto da tutti, Fernando aveva gravi problemi di salute, un trapianto al rene e da anni si sottoponeva alla dialisi. Ma nonostante questo, dicono nel comune dove è nato e viveva, Altavilla Silentina, in provincia di Salerno, "viveva in pieno e con gioia la sua vita".

Una famiglia numerosa, circa sei figli, Fernando, per i suoi problemi di salute non era mai riuscito ad avere un'occupazione stabile. La sua grande passione era la musica. "Viveva la comunità - dice il sindaco di Altavilla, Silentina Antonio Di Feo - soprattutto viveva le sue difficoltà in modo dignitoso. Fernando lo conosco da sempre e qui, 7000 residenti, lo conoscevano tutti". Il fratello è presidente di un'associazione culturale, e anche così Fernando viveva in prima persona la vita del suo comune. "Non ha mai chiesto aiuto a nessuno - dicono al comune - l'amministrazione ha sempre cercato di stare vicino alla sua famiglia, tanti figli e difficoltà da affrontare. Sono una famiglia molto unita e soprattutto piena di dignità".

Ieri, l'ottava vittima nel capoluogo partenopeo e la quattordicesima in Italia: una donna di 72 anni, deceduta domenica all'ospedale Cardarelli di Napoli, la cui positività al virus è stata accertata il giorno seguente.
L'anziana, secondo quanto emerso da fonti ospedaliere, era affetta da gravi patologie di tipo respiratorio.

Solo stamattina, invece, si è appreso del decesso di una donna di 42 anni , mentre venerdì sera si è spenta Emanuela D'Auria, la bambina di 11 anni , per la cui morte la Procura ha aperto un'inchiesta.

La settimana scorsa sono deceduti Eugenio Campanile , un medico di 72 anni di ritorno dalla Spagna, Marcello Calì , un detenuto del carcere di Poggioreale e Claudio Petré un altro dottore di 56 anni: più volte, come sottolineato dai sanitari, erano già affette da gravi patologie.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento