rotate-mobile
Cronaca Afragola

"Non dovevi permetterlo": i parenti del piccolo Genny distrutti

I familiari del bambino di 18 mesi morto per soffocamento ad Afragola dopo essersi nascosto dietro il divano, scrivono su Facebook: "Aveva una vita da vivere e l'hai portato via"

Una morte assurda che non ha spiegazioni. Il caso di Genny, il piccolo di 18 mesi deceduto per soffocamento ieri, mentre giocava in casa, ha distrutto una famiglia di Afragola.

Una vicenda che ha profondamente scosso la popolazione cittadina. Il piccolo è rimasto soffocato dal divano sotto il quale si era nascosto. Inutili i soccorsi prestati nell'ospedale di Villa dei Fiori di Acerra. Dopo quasi un'ora di disperati tentativi di rianimazione i medici hanno infatti dovuto constatarne il decesso.

Le prime notizie: il dramma ad Afragola

Enorme il dolore dei familiari, che soltanto in parte traspare da alcuni messaggi da loro lasciati sui social. "Basta con tutte queste cattiverie - recita uno di questi - Non ho parole per descrivere il dolore che ho dentro. Era una anima innocente e non puoi permettere che volasse via. Aveva una vita intera e te lo sei portato via, hai accettato che una mamma soffrisse per il resto della vita e distruggere una famiglia intera. Angelo mio, ti porterò per sempre nel cuore". 

intanto sulla vicenda sono scattate le indagini dei carabinieri della compagnia di Casoria. La salma resta sotto sequestro disposto della procura di Nola.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non dovevi permetterlo": i parenti del piccolo Genny distrutti

NapoliToday è in caricamento