Giovedì, 29 Luglio 2021

Morte Mario Paciolla, la madre: "Appello a chi sa, ma non parla"

Nel chiostro di San Domenico Maggiore, commemorazione del cooperante internazionale, trovato morto in Colombia il 15 luglio 2020. Gli avvocati: "C'è omertà, ma le indagini stanno andando avanti"

Un anno senza Mario Paciolla, un anno senza la verità sulla sua morte. "Il nostro appello, stasera, è rivolto a coloro che sanno qualcosa e non hanno ancora parlato" ha detto Anna Paciolla, la madre, durante la commemorazione che si è tenuta nel chiostro di San Domenico Maggiore, a Napoli.

 Il 15 luglio 2020, il 33enne napoletano veniva trovato morto, impiccato, nella sua stanza in Colombia, dove viveva per conto dell'Onu per una missione di pace. I genitori non hanno mai creduto all'ipotesi del suicidio e, supportati dalla Giustizia italiana, hanno cominciato un lungo e tortuoso percorso per conoscere la verità sulla morte del figlio.

A un anno dalla scomparsa, il Comitato fondato dai suoi amici ha voluto organizzare questo appuntamento  cui hanno partecipato, tra gli altri, il sindaco de Magistris, l'assessore Giovanni Pagano, Eugenio Bennato, Alex Zanotelli. "Dicono che il tempo guarisce il dolore - ha affermato la madre, con la voce rotta dalle lacrime - ma noi non possiamo dire che sia così. Abbiamo scoperto la vicinanza delle persone e vogliamo proseguire su questa strada". 

Le avvocatesse Alessandra Ballerini ed Emanuela Motta che stanno seguendo il caso hanno spiegato che le indagini vanno avanti, ma che l'omertà anche tra i colleghi di Mario rallenta le operazioni dei magistrati. "Scoprire la verità non è una cosa che vogliamo fare solo per Mario, ma per tutti quelli come lui che credono di poter cambiare il mondo" ha concluso mamma Anna. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Morte Mario Paciolla, la madre: "Appello a chi sa, ma non parla"

NapoliToday è in caricamento