menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Ansa)

(Ansa)

Morte di Maradona, Ottavio Bianchi: "Era come ammirare Picasso all'opera"

Il tecnico del primo scudetto: "Ma neanche un uomo di grande carisma poteva resistere a quella pressione. Forse avremmo dovuto dirgli qualche 'no'"

"Lo guardavo inebriato, come davanti a un quadro di Picasso o alle grandi opere degli espressionisti. Ogni volta che aveva palla tra i piedi era come assistere a qualcosa di perfetto, unico e irripetibile". Così Ottavio Bianchi, allenatore del primo scudetto napoletano intervistato dalla Gazzetta dello Sport, ricorda Diego Armando Maradona. "Ho avuto il privilegio di assistere ogni giorno alla realizzazione dei suoi capolavori: ho viste replicate dal vivo milioni di volte le sue prodezze. In ogni allenamento Diego regalava quei colpi con la semplicità e la naturalezza di chi è baciato dalla grazia. Lo osservavo e dentro di me applaudivo e mi chiedevo come fosse possibile. Da tecnico freddo e impassibile evitavo di manifestare il mio stupore davanti a tutti. Vederlo giocare era come ascoltare Mozart".

Sull'aspetto caratteriale Bianchi aggiunge:  "Neanche un uomo carismatico come lui poteva sopportare quella pressione assurda. Non voglio giustificarlo. Non voglio sminuire i suoi errori e i suoi sbagli. Ma quella grancassa intorno, quei lacchè disposti sempre a dirgli sì e a offrirgli qualsiasi tentazione sono stati la sua rovina. Se gli avessimo detto ogni tanto qualche No... Il suo dopo sarebbe stato diverso".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione martedì 19 gennaio 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento