Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Maradona, Di Marzio: "Non ha mai avuto amici. Su Diego solo ipocrisia"

Il racconto dell'ex tecnico che lo scoprì e nel 1978 lo propose a Ferlaino: "Non è stato mai protetto, intorno ha sempre avuto solo opportunisti"

 

Bugie, ipocrisia, opportunismo. Diego Armando Maradona non aveva amici, ma solo sciacalli che gli ronzavano intorno. Gianni Di Marzio, allenatore e dirigente sportivo, scopritore italiano del Pibe de oro, non ha dubbi: "Compagni di squadra, dirigenti, conoscenti. Nessuno era vero amico di Diego. Lui rappresentava una slot machine per tutti". 

Di Marzio è provato, da giorni parla e commenta la morte di chi per lui non era solo il più grande calciatore di tutti i tempi: "Il mio rapporto con lui era autentico - racconta - Non come con gli altri opportunisti. Ancora non mi sembra vero, solo un'ora prima aveva parlato con il figlio: ci stavamo organizzando per andarlo a trovare dopo l'operazione". Nel 1978, sei anni prima che Maradona arrivasse a Napoli, Gianni Di Marzio, all'epoca allenatore degli azzurri, propose il Pibe de oro a Ferlaino. L'operazione, però, non andò a buon fine. "Il mercato degli stranieri era chiuso. Avremmo dovuto parcheggiarlo in Svizzera, fargli prendere la cittadinanza e, poi, tesserarlo per noi. Avevo rinnovato la squadra e con una rosa fatta di ragazzini promettenti avevo ottenuto un piazzamento Uefa e una finale di Coppa Italia, persa con l'Inter. Avrei meritato che il presidente mi ascoltasse e prendesse quel giovane argentino, invece già progettava di sostituirmi con Vinicio perché pensava solo agli abbonamenti". 

Anche se quel trasferimento non si concretizzò, il rapporto tra i due fu sempre profondo. L'ex tecnico ha il dente avvelenato con tutto il mondo che girava intorno a Maradona e che ancora oggi parla di lui: "Nelle dichiarazioni di questi giorni c'è tanta ipocrisia. Persone che fino a ieri lo criticavano per lo stile di vita, oggi salgono sul suo carro. Ma non è un carro dei vincitori, è un carro funebre. Oggi, sembrano tutti amici di Maradona: sono disgustato. Non è stato protetto, mai. Anche in queste ultime settimane, non so perché non sia rimasto in ospedale. Ci sono domande a cui non so rispondere". 

Di Marzio ha scoperto molti talenti in giro per il Mondo, ma sulla possibilità di scoprire un nuovo Maradona ha le idee chiare: "Le divinità nascono una volta sola".

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento