menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giovanna Arrivoli

Giovanna Arrivoli

Giò, la donna-boss assassinata: seppellita a faccia in giù come “i traditori”

Emergono nuovi dettagli sul caso di Giovanna Arrivoli, barbaramente uccisa a Melito. La donna-boss venne rapita e torturata per due giorni, prima di essere giustiziata

Proseguono le indagini sulla morte di Giovanna “Giò” Arrivoli, la donna-boss che aspirava ad avere un ruolo importante tra i pusher di Melito ma che è stata barbaramente assassinata.

Secondo gli inquirenti Giò, alla quale il clan Amato-Pagano aveva affidato la gestione di un bar in via Lussemburgo, fu rapita nelle prime ore del pomeriggio del sei maggio, quindi interrogata e torturata nei due giorni successivi. Infine giustiziata, con due colpi alla testa e uno al cuore.

Il cadavere venne trasportato a bordo di un furgone rubato, quindi abbandonato in via Giulio Cesare dove gli assassini la seppellirono a faccia in giù. Una pratica che nel rituale camorristico indica il tradimento.

I carabinieri avevano arrestato uno dei presunti sepoltori, poi l'uomo è stato rimesso in libertà per mancanza di gravi indizi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Commissario Ricciardi ritornerà: la seconda stagione non è un'utopia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento