Addio Dimino: il pescatore procidano aveva 80 anni

Tra gli ultimi pescatori di lenza dell'isola, era conosciutissimo. La sua vita tra esperienza, talento, retaggio familiare, ed un lunghissimo amore per il mare

Procida

Dimino non c'è più. Lo chiamavano così a Procida, Domenico Intartaglia, classe '37. Tra gli ultimi pescatori di lenza dell'isola, si è spento a 80 anni dopo una fulminea malattia. A darne notizia, il Mattino.

Il pescatore della Chiaiolella era conosciutissimo. Per lui i fondali di Procida, Ischia e Vivara non avevano segreti. Era la sua vita: ore e ore trascorse sul mare per catturare il pesce poi rivenduto ai ristoratori locali.

Esperienza, amore per il mare, talento puro. E il retaggio familiare: era figlio d'arte, di papà Carlino detto "Menechiello". Una vita fatta di sacrifici. Dimino, raccontano, spesso ricordava un episodio. La sua lotta contro un pesce di quasi quattro chili. Una vicenda alla Hemingway, accaduta per davvero, e nelle acque di Procida.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio

  • Lutto nella moda, scompare la signora Di Fiore Settanni: era emblema dello stile caprese

  • Lutto in casa Napoli: si è spento Mistone, terzino in azzurro negli anni '50 e '60

  • Cosa ci fa una cuccia al centro di Piazza Garibaldi? La risposta

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

Torna su
NapoliToday è in caricamento