Cronaca

"Hanno ucciso mia figlia": madre contro i medici a processo

Il pediatra e sua moglie, un'insegnante che pare esercitasse abusivamente la professione, non diagnosticarono il tumore che avrebbe ucciso la piccola Asia. Oggi la prima udienza

La mamma di Asia, foto Ansa

"Mia figlia è stata uccisa. Voglio giustizia e voglio che chi l'aveva in cura venga radiato dall'albo dei Medici". Sono le parole di Maria Ciervo, madre di Asia Bosco, la bimba di Giugliano morta a 3 anni e mezzo, il 4 ottobre del 2014, per una diagnosi di tumore tardiva.

I genitori della piccola, assistiti dall'avvocato Libera Cesino e dalla criminologa Antonella Formicola, verranno oggi ascoltati dai magistrati che indagano sulla vicenda. Nel processo sono imputati un pediatra e neonatologo, e sua moglie, la quale pare esercitasse la professione di pediatra malgrado fosse un'insegnante di musica.

Medico e moglie insegnante a processo

L'accusa per i due è omicidio colposo. All'esterno del tribunale alcuni manifestanti hanno inscenato un corteo con i genitori della bambina ed un'altra mamma che ha perso la figlia in circostanze analoghe.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Hanno ucciso mia figlia": madre contro i medici a processo

NapoliToday è in caricamento