Cronaca

Raccontava la sua lotta con il cancro in un blog: Martina si è spenta giovanissima

Viveva in Ecuador da anni quando la scoperta della malattia l'ha portata a ritornare nella sua città natale. Il ricordo di chi la conosceva

Martina Tabacchini si è spenta. Originaria di Qualiano, lottava da diversi anni con un cancro, ed aveva dedicato un blog alla sua battaglia con la malattia.

"Ho vissuto in Ecuador per 3 anni fino a che non ho scoperto di avere un tumore che mi ha portata a tornare in Italia per curarmi. Questo è il mio racconto, o per lo meno ci provo. Prima era n’altra cosa sto blog", spiegava in uno dei suoi primi post su quanto le stesse accadendo.

È stata, su Facebook, la Pro Loco di Qualiano a dare la notizia della sua morte. "Apprendiamo con immenso dolore della scomparsa di Martina Tabacchini. Chi l'ha conosciuta sa quanta forza e voglia di vivere risiedevano in Lei. La comunità è costretta di nuovo nel lutto per la perdita di una giovane vita. L'associazione esprime la completa partecipazione al dolore immenso ed inconsolabile della famiglia e di quanti l'hanno voluta bene, giunga forte il tepore di un abbraccio, carico di commozione, della nostra sincera vicinanza con la certezza che Martina vivrà per sempre nei cuori di chi l'ha conosciuta".

Numerosissimi i messaggi di affetto verso Martina. Tra questi anche quelli del Chievo Verona di calcio femminile, club in cui milita sua sorella. "Il ChievoVerona Women F. M. si stringe attorno a Manuela Tabacchini per la prematura dipartita della sorella Martina. Da parte di tutto il mondo gialloblù un forte abbraccio e condoglianze a Manuela e alla sua famiglia".

Così una sua amica racconta i suoi ultimi giorni: "Martina Tabacchini scriveva benissimo e aveva un cuore immenso e gli occhi che le brillavano. Ieri (mercoledì, ndR), Stella l’ha sentita e lei le ha detto: i miei organi mi stanno abbandonando. Martina era molto lucida rispetto alla sua situazione. Era una delle donne più intelligenti che avessi mai incontrato. E aveva una bellissima voce. Se hai una bellissima voce, hai un dono in piu dalla natura.Era dolce, anche. E impaurita da tutto ciò che le stava capitando. Perché lo capiva, Lo combatteva e non aveva più forze. Non so come andrà a finire, mi aveva detto ultimamente. Questa dannata lucidità non la tollero negli altri: la permetto solo a me stessa. Nelle persone che amo, vorrei solo incoscienza, speranza e ottimismo. Il cinismo lo ammetto solo in me stessa. Martina studiava doppiaggio, si impegnava tantissimo, aveva una splendida voce e un’ottima dizione. Studiava, scriveva. Capiva, chiedeva. Martina è morta dopo anni di guerra intestina in cui ha continuato a combattere senza mai arrendersi, anche quando non ci credeva tanto più. È morta stanotte alle 5. E mi ha lasciato con una voce splendida da ricordare, e una donna intelligente e simpatica, alla quale mi pregio di aver avuto la fortuna di insegnare dizione nell’ Accademia di Doppiaggio di Christian Iansante e Roberto Pedicini. Sweet Martina, mi hai lasciato senza parole. A me, che di voce ne ho sempre. Tu, che di voce ne avevi tanta, e di parole ancor di più. Sempre belle. Sempre dolci, d’oro. Adesso, è tempo di non soffrire più, sweet Martina".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccontava la sua lotta con il cancro in un blog: Martina si è spenta giovanissima

NapoliToday è in caricamento