I familiari della ragazza morta per una relazione lgbt: "Nostro figlio non ha speronato la sorella"

"E' stato un incidente", spiegano i genitori di Michele, accusato di aver provocato l'incidente in cui ha trovato la morta Maria Paola, speronandola

 "Michele era uscito a convincere la sorella Maria Paola a rientrare a casa ma non l'ha speronata, è stato un incidente". E' questa la versione dei familiari di Maria Paola e Michele Gaglione sull'incidente in cui ha trovato la morte la loro figlia, riportata da don Maurizio Patriciello, parroco di Caivano, che officerà i funerali della 20enne.

La famiglia Gaglione dunque contesta la versione in auge delle ultime ore secondo cui Michele avrebbe speronato dopo un inseguimento Maria Paola e Ciro, trans 22enne che ha intrapreso un percorso per diventare uomo. 

L'incidente

Nella notte tra giovedì e venerdì Maria Paola e Ciro fuggono in scooter inseguite dal fratello della prima, da Caivano in direzione Acerra. Ad un certo punto, in via degli Etruschi ad Acerra, il 30enne si avvicina allo scooter della sorella e secondo l'accusa lo sperona. La 20enne centra una pompa agricola sommersa che le ha reciso la gola e muore sul colpo. Mentre il compagno ha riportato una brutta frattura al braccio, che è stata poi ridotta sotto i ferri in ospedale. 

"Non volevo uccidere nessuno"

Michele Gaglione è accusato di aver provocato volontariamente la caduta della coppia. Ai militari dell'arma che lo hanno interrogato si sarebbe giustificato con questi termini: "Ho fatto una stronzata, non volevo uccidere nessuno, ma dare una lezione a mia sorella e a quella là che ha infettato mia sorella". Il pubblico ministero ha disposto l’autopsia sul corpo della vittima.

LE PAROLE DI ADDIO DI CIRO, IL COMPAGNO DI PAOLA: "MI E' STATO TOLTO L'AMORE PIU' GRANDE"

Funerali

Don Maurizio Patriciello, parroco al Parco Verde di Caivano (dove risiedono entrambe le ragazze), conosceva sia la famiglia Gaglione che quella del compagno di Maria Paola. "Non sapevo della loro relazione, ma sapevo della scelta di Ciro, che rispetto; per loro non sarà stato facile. Ancora oggi queste persone fanno fatica a farsi accettare. Sui social ho letto brutti commenti, attacchi tra le famiglie, ma è necessario stare calmi e attendere che le indagini facciano il proprio corso", spiega don Maurizio che officerà i funerali della ragazza nei prossimi giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole chiuse, divieti e limitazioni per feste e cerimonie: tutte le decisioni di De Luca

  • Boom di contagi in Campania, nuova ordinanza di De Luca: scuole chiuse e restrizioni sociali

  • Coronavirus, la nuova ordinanza del Presidente De Luca: gli orari previsti per le attività

  • Orrore in ospedale, per una sigaretta aggredisce un uomo e gli cava gli occhi

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy: ecco dove acquistarle scontate

  • Dieta alcalina: come perdere peso e migliorare la salute in 7 giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento