rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Cronaca

Si laureò in ospedale, Roberta non c'è più: "Non sempre il mostro può essere sconfitto"

"Affrontava la chemioterapia e studiava per raggiungere la laurea. Era una guerriera", spiega l'oncologo che l'aveva in cura

Il dottor Raffaele Addeo, che dirige la U.O.C. Oncologia del P.O. di Frattamaggiore e la Unità Operativa, in un post Facebook esprime il suo dolore per la scomparsa di Roberta, giovane paziente sconfitta dal cancro.

Il post Facebook dell'oncologo: "ADDIO ROBERTA. La campana della vita non ha suonato per la nostra carissima Roberta. Per quanto sforzo e impegno possiamo metterci, non sempre riusciamo a sconfiggere il “mostro” e, non sempre il “mostro” può essere sconfitto: siamo umani. Roberta ha combattuto come una guerriera, ci ha resi fieri, orgogliosi della sua determinazione, siamo stati contagiati dalla sua voglia di vivere. Si è laureata in reparto, in “Mediazione linguistica e culturale” mentre affrontava la chemioterapia, senza mai mollare, senza mai abbandonare la speranza. La sua condizione era però troppo grave. E nonostante le cure, Roberta non ce l’ha fatta. Ci ha lasciati con un grande vuoto dentro, pochi giorni fa. Ci ha insegnato una grande lezione: lottare fino alla fine, perché ne vale sempre la pena, per se’ stessi e per chi si ama. Tutta la dedizione che l’intero ospedale le ha dedicato, la sua storia, la sua delicatezza, ci motivano ad accudire, con ancora più attenzione, i nostri pazienti. Ai suoi cari, alla sua famiglia va tutto il nostro cordoglio ed affetto. Che la terra ti sia lieve, Roberta". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si laureò in ospedale, Roberta non c'è più: "Non sempre il mostro può essere sconfitto"

NapoliToday è in caricamento