rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Il giallo / Portici

La strana morte di una napoletana a Parigi

La 32enne Gilda Ammendola è stata dichiarata morta per suicidio ma la versione non convince la famiglia

Prima ha chiesto l'invio di oggetti personali ai parenti. Dopo poco è arrivata la notizia del suo suicidio in carcere. Purtroppo non è la trama di un giallo ma il caso che ha coinvolto una 32enne di Portici a Parigi. Si tratta di Gilda Ammendola, madre di una bambina di otto anni, che è morta in un carcere parigino. La ragazza di Portici era detenuta nell'istituto Flevry-Mèrogis e stando alla versione delle autorità francesi si sarebbe suicidata in carcere. Una versione che però non ha convinto la famiglia insospettita dalla dinamica dei fatti. Per questo ha deciso di presentare un esposto alla procura di Roma tramite il legale Domenico Scarpone. Diversi i punti che non convincono i familiari della vittima.

Per prima cosa non è stato concesso loro di vedere il corpo e non è stato concesso a un loro perito di partecipare all'autopsia. Oltre agli aspetti più prettamente legali, a non convincere è stata anche la dinamica dei fatti accaduti lo scorso 21 gennaio. Con una prima telefonata di un funzionario del carcere veniva chiesto alla famiglia di inviare degli effetti personali. Proprio mentre stavano preparando il pacco da spedire, dopo poco ore arrivò una seconda telefonata con la quale veniva annunciata la morte della 32enne per suicidio. Un susseguirsi di eventi che è suonato sospetto e che ha indotto la famiglia ad attivarsi tramite il proprio legale. Il primo effetto dell'esposto è stata la disposizione di una nuova autopsia fissata per la prossima settimana. Il fascicolo italiano dell'inchiesta è affidato al sostituto procuratore Eugenio Albamonte mentre il medico legale che svolgerà l'autopsia sarà il professore Luigi Cipolloni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La strana morte di una napoletana a Parigi

NapoliToday è in caricamento