Cronaca

Coronavirus, De Luca: "Ho chiesto l'esercito a Mondragone"

"Ho chiesto l'invio urgente di un centinaio di uomini delle forze dell'ordine per garantire il controllo rigoroso del territorio", afferma il Governatore

De Luca (Foto De Cristofaro-NT)

Preoccupa la zona rossa nei palazzi della ex Cirio di Mondragone nei palazzi ex Cirio. Oggi è arrivata la presa di posizione di Vincenzo De Luca: "Questa mattina ho avuto un colloquio con il Ministro dell'Interno Luciana Lamorgese in relazione alla zona rossa istituita negli ex palazzi Cirio di Mondragone. Ho chiesto l'invio urgente di un centinaio di uomini delle forze dell'ordine per garantire il controllo rigoroso del territorio. Il Ministro ha annunciato l'arrivo di un contingente dell'Esercito".?

43 i casi finora accertati su oltre 700 test che potrebbero però aumentare nelle prossime ore, come riporta Casertanews.it.. "Su Mondragone abbiamo come sempre reagito in tempi immediati non appena abbiamo avuto notizia del contagio di una donna di nazionalità bulgara, abbiamo messo in quarantena le palazzine e abbiamo mobilitato le forze dell'ordine perché ci fosse un controllo rigoroso sulle persone messe in quarantena", il commento del Governatore De Luca. Di parere diverso Caldoro: "La Regione Campania fa propaganda e non tutela la salute dei cittadini. Ariano Irpino ieri e Mondragone oggi, due zone rosse abbandonate a loro stesse per gli errori della Regione e dell'unita' di crisi. Cosi si mettono a rischio i cittadini ed aumentano i contagi".

BOLLETTINO DEL 25 GIUGNO: MAI COSI' TANTI POSITIVI IN CAMPANIA DALL'11 MAGGIO

"Nessun bulgaro impiegato nelle nostre aziende"

 “Dopo una rapida e attenta verifica presso i nostri associati, teniamo a precisare che al momento non ci risulta alcun soggetto di nazionalità bulgara impiegato nei campi delle nostre aziende agricole; in ogni caso, diamo la piena e massima disponibilità a collaborare con gli organi preposti, segnalando rapidamente alle forze dell’ordine la presenza di soggetti che dovessero mostrare sintomi legati al COVID-19, o cosiddetto Coronavirus”. Lo afferma il direttore della Copagri Campania Aniello Del Vecchio, che ha partecipato a una riunione d’urgenza convocata dal presidente della Regione Vincenzo De Luca per fare il punto della situazione sulle problematiche riguardanti la zona rossa di Mondragone (CE), dove è emerso un nuovo focolaio che ha visto coinvolti diversi membri della comunità bulgara presente nell'area.

"La Copagri Campania ringrazia il Governatore della Regione Campania per la pronta e tempestiva convocazione della riunione d’urgenza, durante la quale ha informato le parti sociali sulle misure poste in atto a tutela e a salvaguardia della salute pubblica dei cittadini e dei lavoratori.

Contestualmente all’azione di verifica messa in atto già dalle prime ore successive alla scoperta del nuovo focolaio, la Copagri Campania rende noto di aver tempestivamente provveduto a informare tutti gli associati sull’intero territorio regionale del rischio legato all’evolversi della situazione, dando piena disponibilità a dotare coloro i quali ne facessero richiesta di test sierologici".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, De Luca: "Ho chiesto l'esercito a Mondragone"

NapoliToday è in caricamento