menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Modulo con frase su Napoli, l'ULSS 9 Scaligera: "Male interpretati. Ci scusiamo con chi si è risentito"

La risposta dell'azienda veronese dopo la questione sollevata dalla Radiazza per la frase su Napoli all'interno del modulo per esami radiologici, ora rimossa

"Apprendiamo dalla stampa che un modulo di consenso a un esame radiologico della nostra azienda socio sanitaria è diventato oggetto di dibattito politico in Campania. La modulistica in questione, riferita all’esame TC Cone Beam (CBCT), nel descrivere il valore basso della dose da radiazioni dello stesso, riporta: “l’esame radiologico con CBCT comporta una dose efficace compresa tra 30 e 100 microSievert, mediamente dell’ordine di 1/20 del fondo annuale di radiazioni. Per comprendere questo valore occorre sapere che equivale alla dose assorbita per 3-4 OPT tradizionali o per radiazioni ambientali vivendo un mese a Napoli (il capoluogo con la massima dose ambientale annua in Italia), oppure trascorrendo due mesi in montagna, o 50 ore in volo a 8000 metri”. È evidente che la città di Napoli viene citata unicamente in qualità di benchmark nazionale per quanto riguarda il tasso di radioattività ambientale, senza alcuna accezione negativa, come lasciato intendere da chi ha sollevato il “caso”. Pur nella più assoluta buona fede, al fine di evitare ulteriori strumentalizzazioni la Direzione dell’Ulss 9 ha comunque deciso di sostituire e aggiornare il modulo in questione, che è stato già rimosso dal sito internet aziendale, e si scusa con quanti possano essersi risentiti per l’accaduto". Così in una nota l'azienda ULSS 9 - Scaligera di Verona ha voluto chiarire dopo la vicenda sollevata dalla Radiazza di Gianni Simioli e dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli su una frase contenuta all'interno di un modulo per esami radiologici che faceva riferimento alla città di Napoli.

"Il Primario di Radiologia, saputo della polemica si scusa insieme ai suoi collaboratori per il fraintendimento, spiegando che non era certo sua intenzione creare nessun esempio negativo. Anzi l'esempio sicuramente mal interpretato era solo un riferimento bibliografico ripreso anche da altre realtà sanitarie. Alle scuse sincere della Radiologia si sommano quelle del Direttore Generale che precisa: "Sono certo della sincerità delle scuse ribadite dalla nostra Radiologia e sono sicuro che assolutamente nessuno voleva creare casi negativi e men che meno polemiche e strumentalizzazioni. Io posso solo dire che considero Napoli una città meravigliosa e accogliente e ciò avendoci anche vissuto per un periodo della mia vita per motivi professionali e di famiglia. Ho dato disposizioni di rimuovere con effetto immediato la modulistica dal sito aziendale. Mi auguro che chiunque abbia letto la notizia e anche chi l'ha diffusa accetti le scuse sincere della nostra Radiologia e mie personali e che la polemica si chiuda prima di nascere. In questa società abbiamo tanto bisogno di dialogo e di parlarci anche chiarendo le incomprensioni, lontani da polemiche che sicuramente non fanno bene a nessuno", conclude la nota.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tony Colombo, l'annuncio: "A fine mese dirò addio alle scene musicali"

Attualità

Anm, via alla nuova linea bus 602 sulla tratta Garibaldi-Dante

Attualità

Riapre il Cinema Vittoria: coda al botteghino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Morte Ylenia Lombardo, ipotesi omicidio: fermato un uomo

  • Politica

    De Magistris: "Whirlpool e comuni in difficoltà economica, il Governo risponda"

  • Cronaca

    Mario Cerciello Rega, la sentenza: ergastolo per i due americani

  • Cronaca

    Lutto nel noto liceo: il prof. D'Auria ucciso da un brutto male

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento