Miracolo di San Gennaro, la potente omelia del Cardinale: "Napoli infestata dal virus della violenza"

Il Cardinale Crescenzio Sepe nell'omelia dopo il Miracolo che la città intera aspettava: "I mali sociali favoriscono l'esplosione del virus della violenza. Penso al male seminato da chi continua a rincorrere la ricchezza"

(foto De Cristofaro)

"Dopo il lockdown ci stiamo rendendo conto che niente è più come prima. Ora cadono gli alibi, ma cresce la nostra responsabilità diretta che deve regolare il rapporto tra ognuno di noi e la comunità, tenendo conto che il Covid-19 è sempre in agguato e che altri virus infestano, non da oggi, la vita quotidiana di Napoli e del suo territorio". Lo ha detto il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, nell'omelia pronunciata in occasione della festività di San Gennaro nel Duomo. "Penso alla violenza - ha aggiunto il cardinale - un virus che continua a essere praticata con leggerezza e crudeltà, le cui radici vanno oltre il cumulo dei mali sociali che ne favoriscono l'esplosione. Penso al pericolo di ingerenza e inquinamento della malavita comune e organizzata, che tenta di accaparrarsi risorse destinate alla ripresa economica, ma tenta anche di assoldare proseliti attraverso incarichi delinquenziali o prestito di denaro. Penso al male seminato da quanti continuano a rincorrere la ricchezza attraverso le illegalità, l'affarismo, la corruzione, le truffe, penso alle conseguenze della mancanza o inadeguatezza di lavoro, penso al dramma di quanti, abituati a vivere alla giornata, hanno visto venir meno anche questa precaria attività e il modesto reddito". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I giovani

"I giovani sono portatori del vero contagio della speranza, ma finiscono nella delusione e nell'avvilimento perché dal mondo degli adulti non riescono ad avere risposte concrete alle loro legittime domande di lavoro e di impegno professionale", ha aggiunto Sepe. "I giovani sono chiamati a essere il primo argine, come protagonisti del cambiamento. Tutti sappiamo bene che sono loro la vera, grande risorsa di Napoli e del Sud, delle nostre comunità e dei nostri territori che hanno bisogno, come il pane, della freschezza delle loro idee, del loro entusiasmo, della loro genialità, del loro ottimismo, del loro sorriso". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, arriva la nuova ordinanza regionale: coprifuoco e divieto di mobilità fra province

  • E' lockdown, De Luca: "Chiudo tutto già ora in Campania. Siamo a un passo dalla tragedia"

  • Divieto di spostamento tra province in Campania e zona rossa: ecco l'ordinanza n.82

  • In duemila protestano sotto la sede della Regione e violano il coprifuoco: scontri con le forze dell'ordine

  • Nuova ordinanza di De Luca: confermato il coprifuoco e stop all'asporto

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy e KN95: ecco dove acquistarle scontate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento