menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Miracolo San Gennaro

Miracolo San Gennaro

San Gennaro, si è ripetuto il miracolo del sangue

Il 16 dicembre del 1631 una forte eruzione del Vesuvio, dopo aver distrutto Torre del Greco, minacciò di attaccare Napoli che invece rimase incolume dopo la processione in onore del Patrono

Si è ripetuto stamane il miracolo della liquefazione del sangue di San Gennaro, nella terza - e meno conosciuta - ricorrenza dell'anno in cui il prodigio abitualmente si rinnova. Applausi dei fedeli hanno accolto, nella Cappella del Tesoro del duomo, l'annuncio dell'evento.


Il 16 dicembre si ricorda l'anniversario dell'eruzione del Vesuvio del 1631 che risparmiò Napoli dopo una solenne processione organizzata in città in onore del patrono. Il miracolo è avvenuto alle 11.42, annunciato dallo sventolio del fazzoletto bianco da parte del marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli, in rappresentanza della Deputazione del Tesoro. La cerimonia, celebrata da monsignor Alfonso Punzo, ha avuto inizio alle 9.30 con l'apertura della cassaforte da parte dei componenti della Deputazione, l'antica istituzione laica della città di Napoli, che custodisce le reliquie dal 1527. Dopo un paio di ore di preghiere all'improvviso il grumo di sangue si è liquefatto, davanti ai tanti fedeli accorsi. Il 16 dicembre è la terza data dell'anno in cui si attende il miracolo di San Gennaro, dopo quella del sabato che precede la prima domenica di maggio con la processione fino a Santa Chiara e quella del 19 settembre in Cattedrale. (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Attualità

Supplica alla Madonna di Pompei: il testo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

  • Media

    Amici, il napoletano Aka7even vola in finale

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento