menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Polizia

Polizia

Terrore nella casa di accoglienza: detenuto minaccia i presenti e tenta il suicidio

Un pluripregiudicato di 59 anni si era barricato all'interno della sua stanza, al terzo piano, minacciando di lanciarsi nel vuoto dalla finestra, puntandosi un coccio di vetro alla gola

Gli agenti del commissariato di polizia Vicaria-Mercato sono intervenuti in una casa di accoglienza per detenuti, esterna al carcere dove vengono avviati a corsi di recupero, per una persona che stava compiendo gesti di autolesionismo, minacciando i presenti.

Un uomo di 59 anni, pluripregiudicato, si era barricato all'interno della sua stanza, al terzo piano, minacciando di lanciarsi nel vuoto dalla finestra, puntandosi un coccio di vetro alla gola. Gli agenti hanno condotto una lunga ed estenuante mediazione con l'uomo, per dissuaderlo, riuscendo solo dopo due ore a fargli aprire la porta del suo alloggio.

Il 59enne convinto dagli agenti ha seguito gli agenti in una stanza. Dopo poco però l'uomo si è legato una sciarpa al collo, all'interno della quale aveva messo vari frammenti di vetro e stringendone altri due, di dimensioni piu' grandi, tra le mani puntandoseli ai fianchi. Con non poche difficolta', gli agenti sono riusciti a bloccare l'uomo, che si dimenava, impedendogli di far del male a sè e ai presenti. I poliziotti hanno riportato, pero', delle lesioni guaribili tra gli 8 ed i 5 giorni. Condotto in ospedale da personale del 118, fatto giungere sul posto, il 59enne e' stato sedato e, non ritenendo necessario un suo ricovero, successivamente, dimesso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento